CELLOLE – Giornalisti per un giorno, gli alunni delle IV A e IV B di via Leonardo intervistano l’egittologa Mainieri

CELLOLE (Matilde Crolla) – Dai banchi di scuola ad una vera e propria sala conferenze. Gli alunni della IV A e IV B della scuola primaria ‘Matilde Serao’ di via Leonardo ieri, grazie alle loro insegnanti, hanno potuto vivere un’esperienza diversa, del tutto nuova, diventando giornalisti per un giorno. Gli studenti hanno, infatti, intervistato nel vero senso della parola un’egittologa, Stefania Mainieri. La conferenza stampa, tenutasi nell’atrio della scuola allestito ad hoc dai collaboratori scolastici Antonio e Isidoro, ha consentito

loro di conoscere di persona un’archeologa specializzata nello studio dell’antica cultura egizia. Tale incontro è stato inserito a termine di un progetto scolastico e fortemente voluto dalla loro insegnante di storia, Floriana Di Florio, supportata dalla dirigente scolastica in primis, Gabriella Rubino, e dalle colleghe Assunta Griffo, Pasqualina Matano, Angela Orazzo, Patrizia Di Gregorio e Angela Fabozzi, che hanno reso fattiva l’interdisciplinarità dello studio degli Egizi. I ragazzi, infatti, in questi mesi hanno particolarmente

approfondito lo studio di questa prima e vera civiltà, restandone particolarmente affascinati. Hanno realizzato papiri, cartelloni, ricerche, elaborati, esposti in una mostra allestita nell’atrio della scuola di via Leonardo. Quale modo migliore di concludere il progetto se non incontrare una vera e propria egittologa? Stefania Mainieri, giovane archeologa cellolese, è stata anch’essa alunna di Floriana Di Florio. La sua presenza a scuola, su invito della Di Florio, è stata vissuta

dagli alunni come un’esperienza talmente emozionante da voler tutti, a termine dell’incontro, diventare degli egittologi. Stefania Mainieri, nel corso dell’intervista fatta dai giovani giornalisti, ha raccontato loro la sua esperienza in Egitto, il senso delle missioni, il duro ma nello stesso tempo affascinante lavoro dell’archeologo. Stefania Mainieri rappresenta sicuramente il simbolo di quei tanti giovani del territorio che portano la loro ricchezza culturale ed intellettuale in giro per il mondo al fine di accrescere le conoscenze dell’umanità. “Studiate ed impegnatevi, perché solo così si posso raggiungere importanti obiettivi”, ha consigliato

loro la Mainieri. Esperta nella mummificazione ha spiegato ai bambini come è stato possibile allestire la nuova collezione sull’Egitto presso il Museo Archeologico di Napoli, con il quale collabora da tempo. Cultore di egittologia presso l’Università Orientale di Napoli, Stefania Mainieri ha allestito personalmente tutta una sala del Museo ed ha invitato ieri gli alunni a farle visita per vedere da vicino le bellezze scoperte. “Chi è il tuo faraone preferito?”, “C’è ancora molto da scoprire sulla cultura egizia nonostante le già tante scoperte?”, “Sei mai stata in una Piramide?”, “Quali sono gli attrezzi del mestiere?”: queste e molte altre le domande poste dai ‘piccoli giornalisti’ che hanno dimostrato un grande interesse per la materia, rispondendo poi

loro stessi ad alcune domande poste dalla Mainieri nel corso della visione di alcune slide. I ragazzi hanno voluto farsi autografare i diari dalla dottoressa Mainieri ed hanno concordato di incontrarsi quanto prima presso il Museo Archeologico di Napoli dove farà loro da guida in un percorso storico-culturale affascinante. Le insegnanti si sono dette soddisfatte per la bellissima giornata che ha consentito agli studenti di poter concretizzare e vivere da vicino un’esperienza culturale al culmine di un interessante progetto di storia realizzato in questi mesi.