Disagi & Cronaca cittadina

SESSA AURUNCA – Ospedale San Rocco, De Biasio ‘dà forfait’ all’assemblea pubblica: l’amarezza del Comitato

SESSA AURUNCA (Matilde Crolla) – E’ iniziata con una nota polemica da parte di Giulia Casella l’assemblea pubblica sull’ospedale San Rocco. In una sala gremita di gente, tra cittadini, politici e dipendenti del nosocomio sessano il Comitato ‘San Rocco Bene Comune’ ha tenuto la sua prima assemblea pubblica per fare il punto della situazione sugli obiettivi prefissati alla nascita di tale sodalizio ed i primi risultati raggiunti. Erano presenti alla riunione il sindaco di Sessa Aurunca, di Cellole,

di Francolise, il vicesindaco di Carinola, di Mondragone, i consiglieri regionali Gennaro Oliviero e Massimo Grimaldi, ed il neo nominato direttore dell’ospedale San Rocco, Salvatore Moretta. Giulia Casella, tra le promotrici di tale comitato, ha aperto i lavori nel Salone dei Quadri evidenziando l’assenza del direttore generale dell’Asl Ce2, Mario De Biasio, non presente all’occasione nonostante fosse uno degli interlocutori principali della discussione. “De Biasio doveva essere qui, invece ha mandato una lettera al sindaco. Per quale motivo non è venuto a leggerla di persona? Non avevamo diritto di sapere? Il sindaco Sasso che

l’ha avuta prima di noi non ha voluto informarmi del contenuto della stessa, ha preferito pubblicarla su Facebook ed alcuni giornali non hanno perso tempo a pubblicare. Se fosse stata resa nota questa sera molto probabilmente ci sarebbe stata una presenza più massiccia. I sindaci passano, le istituzioni passano ma i problemi restano e noi dobbiamo pensare a come risolverli con la nostra volontà, senza indifferenza

che è quella che uccide prima di ogni cosa”. Ha preso la parola il vescovo, monsignor Orazio Francesco Piazza: “Deve esserci la sensibilità di porre al primo posto la salute dei cittadini, le istituzioni hanno la responsabilità di dare garanzia, ma posso testimoniare che le istituzioni, come ho avuto modo di vedere in questi anni, l’attenzione è costante. Il Comitato fa un lavoro egregio, ma devo dire che anche il direttore generale ha sempre manifestato attenzione verso l’ospedale. Ci siamo incontrati qualche tempo

fa con il direttore De Biasio che manifestato molta sensibilità rispetto alla problematica dell’ospedale, continuiamo a mantenere uno stile di civiltà e qualità, i problemi si risolvono anche confrontandosi in maniera civile, attraverso la presa d’atto della responsabilità di ognuno in base ai propri ruoli”, ha concluso il vescovo. La parola è passata poi ai sindaci dei Comuni che hanno deciso di ‘sposare’ la causa del Comitato Civico ‘San Rocco Bene Comune’. La sindaca Cristina Compasso ha evidenziato come

la sua amministrazione sia stata la prima a decidere di appoggiare la causa di civiltà del Comitato senza se e senza ma approvando la delibera di solidarietà. Ha ricordato la battaglia portata avanti dai cittadini quando lei era ancora una ragazzina per l’apertura dell’ospedale. Anche il vicesindaco di Carinola Mazzucchi ha evidenziato l’importanza di mantenere vivo l’ospedale San Rocco per garantire il diritto alla salute dei cittadini di tutto il comprensorio afferente l’ospedale. Anche Erasmo Fava, sindaco di

Falciano del Massico, ha preso la parola sottolineando l’importanza che la sua amministrazione ha dato a tale causa. “Sono qui con i miei consiglieri comunali Paolino e De Santis, quest’ultimo originario proprio di Sessa Aurunca. Io sono felice di aver appoggiato l’impegno del Comitato per raggiungere obiettivi per la collettività senza secondi fini. Avete ottenuto risultati importanti in questi mesi. La nomina di un primario e quella del direttore sanitario è sicuramente un traguardo non indifferente. Questo

a testimonianza del fatto che con il dialogo si possono raggiungere importanti obiettivi”. Interessanti anche le parole del sindaco di Francolise Franco Tessitore: “Bisogna smetterla con questo senso di repulsione per l’ospedale San Rocco. Questa struttura vanta numerosi medici e personale paramedico efficienti e capaci. In tutti gli ospedali purtroppo si muore, non solo al San Rocco. Solo che se si muore in un’altra struttura è capitato, se si muore al San Rocco è colpa di qualcuno. Questo non è accettabile”. Anche

il vicesindaco di Mondragone ha preso la parola evidenziando che “questa delibera approvata dai consigli comunali deve essere un punto di partenza e non di arrivo. E’ necessaria la sinergia tra tutte le istituzioni interessate alla problematica”. E’ seguito poi l’intervento molto forte del sindaco Silvio Sasso e di Domenico Palmieri, ognuno dei quali ha portato all’attenzione dei presenti il proprio punto di vista. (segue ulteriore articolo)

 

 

Un pensiero su “SESSA AURUNCA – Ospedale San Rocco, De Biasio ‘dà forfait’ all’assemblea pubblica: l’amarezza del Comitato

I commenti sono chiusi.