Disagi & Cronaca cittadina

SESSA A. / CELLOLE – Il Coronavirus ‘ridisegna’ la spiaggia, Ponticelli: “Le linee guida non sembrano penalizzare il litorale”

SESSA AURUNCA / CELLOLE (Matilde Crolla) – Sono state approvate le linee guida da parte del Ministero in accordo con le Regioni relativamente agli stabilimenti balneari ed all’organizzazione delle spiagge. “Tali linee al momento ci appaiono abbastanza buone, almeno per quel che concerne la nostra località balneare- afferma Giuseppe Ponticelli, presidente del Consorzio Turistico Balneare di Baia Domizia-. Noi del litorale domizio abbiamo per fortuna spiagge molto ampie per cui potremo

tranquillamente garantire dieci metri quadrati di arenile ad ogni ombrellone così come previsto dalle linee guida”. Dunque, al momento gli imprenditori balneari di Baia Domizia tirano un sospiro di sollievo. Secondo i parametri delle linee guida ministeriali che probabilmente il governatore della Campania De Luca lascerà inalterate, non verranno sacrificati gli ombrelloni, così come

si temeva in un primo momento, ma grazie all’ampiezza delle spiagge del litorale domizio sarà solo ridisegnata la spiaggia in maniera diversa. Addirittura Ponticelli pensa di garantire ancora più spazio tra un ombrellone e l’altro. “Per quel che concerne il mio stabilimento balneare- ha dichiarato- è possibile che riesca a garantire anche più di dieci metri quadrati di spazio tra un ombrellone e l’altro”. Intanto, si

sta lavorando ad un App che consenta la prenotazione dell’ombrellone in maniera tale da snellire le pratiche per l’assegnazione dello stesso con la registrazione degli utenti in maniera telematica. “Al momento le linee guida sulla registrazione dei clienti ci sembrano quelle più complicate. Uno stabilimento balneare- ha spiegato Ponticelli- non è un albergo. Chiunque può entrare solitamente da mare o dai vari accessi. Per cui registrare tutte le presenze diventa difficoltoso, insieme

alla gestione di tutti i dati personali”. Infatti al momento della prenotazione dell’ombrellone non basterà avere i dati del capofamiglia o comunque dell’affittuario dell’ombrellone, come avveniva in passato, ma i dettagli di ogni singolo occupante. L’App che si sta realizzando servirà anche per il bar e per garantire il servizio spiaggia dello stesso onde evitare assembramenti.