CELLOLE / CASAL DI PRINCIPE – ‘Terra Amata’, progetto di prevenzione oncologica e borsa lavoro: ‘Al di là dei Sogni’ e ‘Cleprin’ ci sono!

CELLOLE / CASAL DI PRINCIPE (Matilde Crolla) – ‘Terra Amata – storia di un progetto mai realizzato prima’: il ‘Comitato don Peppe Diana’, di cui fa parte la cooperativa di Maiano ‘Al di là dei Sogni’ gestita da Simmaco Perillo, e l’azienda ‘Cleprin’ di Tonino Picascia, saranno parte attiva dell’ambizioso progetto che sta per partire in via sperimentale tra la nota azienda farmaceutica ‘Roche’ e le realtà locali del terzo settore. Mercoledì prossimo, 14 febbraio, alle ore 10,30 presso la ‘Casa don Peppe Diana’ a Casal di Principe sarà presentato, alla presenza del magistrato antimafia, Raffaele Cantone, di don Maurizio Patriciello, di Marzia Caccioppoli e molto probabilmente anche dell’ambasciatore americano Mary Ellen Countryman, il progetto di partenariato

tra il mondo dell’impresa e le organizzazioni civiche, nazionali e locali, per la promozione della legalità, l’inserimento di persone svantaggiate nel mondo del lavoro e lo screening e la prevenzione in campo oncologico. I protagonisti di questo importante progetto, che vedrà tra l’altro la creazione di campi per la prevenzione oncologica all’interno di beni confiscati alla camorra di cui la ‘Casa don Peppe Diana’ a Casal di Principe sarà l’epicentro, sono anche la Sodexo spa, e le associazioni ‘CittadinanzAttiva’, Fanpage.it, Fondazione Roche e NCO (Nuova Cooperazione Organizzata). “Il progetto che partirà in via sperimentale- ci ha spiegato Simmaco Perillo- ha la funzione di investire non solo nella prevenzione oncologica ma anche di finanziare

due borse lavoro per due studenti disagiati presso la cooperativa ‘Al di là dei Sogni’ di Maiano. Per un anno i due ragazzi, che saranno selezionati prossimamente, faranno formazione e studieranno e poi alla fine del loro percorso si deciderà se assumerli presso di noi o altra struttura”. Mercoledì mattina, dunque, anche alla presenza di rappresentanti di Confindustria di Caserta, ci sarà a Casal di Principe la firma ufficiale di questo progetto che dimostra come il territorio della provincia di Caserta non sia

più un caso da studiare ma come terra d’innovazione a cui guardare. ‘Terra Amata’ è la collaborazione necessaria e positiva con grandi realtà multinazionali che pongono al centro delle persone il loro benessere. Un nuovo modo per combattere le mafie facendo comunità e creando la rete sociale necessaria per avviare positivi percorsi umani e professionali.