Cronaca nera

BELLONA – Uccide la moglie, spara dal balcone alcuni passanti e poi dopo essersi barricato in casa si suicida. Pomeriggio di sangue in via Aldo Moro

BELLONA (Matilde Crolla) – Uccide la moglie e poi si affaccia al balcone della sua abitazione ed inizia a sparare verso la strada con un fucile. Poi ridotto allo stremo si toglie a sua volta la vita. Protagonista di questa tragedia è Davide Mango, di 48 anni. La guardia giurata di Bellona oggi pomeriggio ha ucciso la moglie, Anna Carusone, 50 anni originaria di Leporano in provincia di Taranto, e ferito cinque persone, nessuna fortunatamente in pericolo di vita, tra cui il comandante della stazione dei carabinieri di Vitulazio.

Un attacco di follia pura quella che lo ha colpito. Dopo la tragedia ha lanciato giù dal balcone una serie di oggetti, tra cui anche una bombola di gpl. L’uomo, per motivi ancora in fase di accertamento,  ha sparato alla moglie e ferito la figlia che però è riuscita a scappare. All’arrivo delle forze dell’ordine Davide Mango si barrica in casa e spegne le luci del suo appartamento in una palazzina al secondo piano di fronte al supermercato Decò.

Gli ufficiali del Comando provinciale dei carabinieri, tra i quali il Comandante Alberto Maestri, cercano di convincerlo ad uscire fuori. In strada c’è il panico, si respira la tensione. Quando accaduto nel pomeriggio di oggi ha dell’incredibile. Mango avrebbe sparato una cinquantina di colpi usando un fucile da caccia e una pistola. L’uomo, è emerso, detiene due fucili da caccia e tre pistole.

Inutili i tentativi dell’ufficiale del reparto operativo dei carabinieri di Caserta di negoziare con l’uomo. L’area dove si è registrata la tragedia è stata circoscritta da numerose auto dei carabinieri e della polizia. Il gruppo dei carabinieri del reparto operativo che sta negoziando con l’uomo ed ha trovato riparo dietro ad un muretto per evitare di essere colpiti dall’uomo. Dopo diverse ore di tentativi di trattative il buio, il silenzio e poi la scoperta, confermata solo da qualche minuto: Davide Mango si è tolto a sua volta la vita sparandosi alla testa. A ritrovare il suo corpo ormai esanime le forze dell’ordine che hanno fatto irruzione nella sua abitazione di via Aldo Moro dopo aver tentato invano di convincerlo a costituirsi.

Nella foto pubblicata non si può fare a meno di notare una bandiera alle spalle di Davide Mango di ‘Forza Nuova’. A tal proposito sulla pagina Facebook del movimento politico casertano si legge: “Pur esprimendo tutta la nostra tristezza per l’accaduto, è giusto” precisare: “Davide Mango è stato sì per un periodo nostro sostenitore ma mai militante attivo. I suoi rapporti con Forza Nuova – prosegue la nota – si limitavano al presenziare a qualche cena di finanziamento; non ha mai agito né fatto parte dei quadri militanti. Detto

ciò è giusto precisare che si parla di un periodo di tempo superiore ai 6 anni trascorsi. Che non si usi una tragica vicenda personale per tirare fango e menzogne su tutto il Movimento e su tutti i nostri Militanti” conclude il post.

2 pensieri riguardo “BELLONA – Uccide la moglie, spara dal balcone alcuni passanti e poi dopo essersi barricato in casa si suicida. Pomeriggio di sangue in via Aldo Moro

I commenti sono chiusi.