SESSA A. / CELLOLE – E’ scomparso don Cosma Capomaccio, domani l’ultimo saluto ad un grande parroco

SESSA AURUNCA / CELLOLE (Matilde Crolla) – Don Cosma Capomaccio non c’è più…questa mattina si è spenta la cara esistenza di un parroco ma soprattutto di un uomo di fede e di cultura, un maestro di vita, che tanto ha dato alla comunità sessana ed a quella cellolese. Domani alle ore 11,00 si terranno le esequie presso la cattedrale di Sessa Aurunca. Don Cosma ha guidato la comunità cristiana cellolese per venti anni stimolando l’amore per la cultura ed appellandosi ai valori dell’amicizia e della condivisione. Ha creato a Cellole il movimento dell’associazione cattolica, coinvolgendo i giovani in attività culturali e teatrali. Negli anni, pur a distanza nella sua residenza sessana, ha sempre amato la sua Cellole seguendo le vicende sociali e politiche che l’hanno caratterizzata. Negli ultimi tempi aveva deciso di prendere parte

all’Archeoclub insieme ad Angelo D’Onofrio e ad un gruppo di appassionati di storia per mantenere alta l’attenzione sugli scavi in corso sulla Domiziana. Ho avuto l’onore di intervistarlo in diverse occasioni in cui nell’evidenziare l’importanza della Villa di Tigellino a Baia Felice e la possibilità di veder tornare alla luce l’antica Vescia sugli scavi in corso sulla Domiziana, si appellava alle istituzioni affinché non ‘abbassassero la guardia’. Non si è mai fermato, don Cosma Capomaccio, grande cultore della letteratura latina, scrittore e storico di spessore. Un gioiello della comunità sessana che ci lascia in maniera discreta…lasciando un vuoto incolmabile in tutti coloro che lo hanno conosciuto… Arrivederci don Cosma