SESSA AURUNCA – ‘Potere al Popolo’, Ragnino: nessun cartello elettorale, siamo dalla parte dei cittadini

SESSA AURUNCA – “Potere al Popolo e’ un messaggio al Paese Intero con un programma realistico e attuale, si pone come vera prospettiva di cambiamento: mette al centro della propria azione politica un  piano per il lavoro contro la disoccupazione – la precarietà – la cancellazione delle tutele sociali e dell’azzeramento dei diritti del lavoro”. E’ il comunicato stampa di Ermes Ragnino del coordinamento cittadino di Sessa Aurunca. “Potere al Popolo non fa promesse, ha scelto  di non fare parte di nessun “cartello elettorale”, tali tentativi sono percepiti dai cittadini comuni come la “difesa della poltrona” e ritiene fondamentale stare tra la gente con i loro problemi e  disagi, il suo impegno sarà continuo e non si fermerà con le lezioni.  

         Le riforme ritenute necessarie e adottate, hanno peggiorato le condizioni della vita e del lavoro, invece di garantire stabilità dei diritti – equità sociale – solidarietà umana, hanno favorito un mercato liberista, una globalizzazione finanziaria “dando linfa” ad un nazionalismo economico ed a un populismo razziale. “Fondersi – Collaborare – Omologarsi” con  chi ha un concetto del sociale diverso della Sinistra, cosa ha prodotto? Basta guardarsi intorno…..la realtà è tremendamente grave.

  Siamo convinti che, per riprendere il cammino in coerenza e nel rispetto dei valori e dei principi che hanno sempre contraddistinto la Sinistra, bisogna ricominciare a lottare, politicamente – socialmente – sindacalmente,  per la tutela dei più deboli    e  per  il  mondo del Lavoro.  Il 4 Marzo i cittadini potranno votare per quei partiti che hanno contribuito a questo stato di disuguaglianze e  di precarietà sociali  o dare fiducia a Potere al Popolo per invertire l’attuale sistema economico/finanziario che è a vantaggio esclusivo del banche e delle multinazionali.

         Potere al Popolo propone:

         . una sanità e un’istruzione pubbliche, gratuite e di qualità per tutti

         . l’abolizione del Jobs Act – della Legge Fornero

         . il ripristino dell’Art.18

         . la sicurezza dei nostri territori e la tutela dell’ambiente

         . la rimozione del fiscal compact e dei trattati imposti dall’ UE .       

                                   

                       PARTECIPAZIONE  –   COERENZA  –  CREDIBILITA'”