Politica

SESSA AURUNCA – Politica e ‘affare rifiuti’, l’indignazione del ‘Circolo Vassallo – Liberi e Uguali’ dopo l’inchiesta giornalistica di Fanpage

SESSA AURUNCA – “I fatti gravissimi che stanno emergendo dalla straordinaria inchiesta giornalista di Fanpage non possono lasciarci indifferenti. Emerge un quadro allarmante che conferma, ove mai ce ne fosse stato bisogno, l’intreccio perverso tra le mafie, la cattiva politica e gli affari di gruppi senza scrupoli. Si può discutere sul metodo adottato nell’inchiesta, ma non certo sui contenuti. Il “sistema” rifiuti è la cartina di tornasole di tutto quanto di peggio la politica campana è in grado di esprimere. Un sistema fatto di “mazzette”, mediatori e/o millantatori che procacciano affari, camorristi che si infiltrano nelle istituzioni e soprattutto politici, parenti ed amici degli amici che a spese di un territorio devastato da anni di “emergenze” continuano ad agire nel più totale disprezzo delle regole”. Esordisce così il ‘Circolo Angelo Vassallo – Liberi e Uguali’ di Sessa Aurunca in un comunicato stampa.

“Non tocca a noi stabilire responsabilità penali e il coinvolgimento dei singoli personaggi a vario titolo coinvolti nella faccenda, ma alcune domande a pochi giorni dal voto ci sembrano lecite. C’è qualcuno ancora disposto a difendere il sistema De Luca- continua il comunicato- o la vicenda sta creando non poco imbarazzo a chi poco più di una settimana fa presentava la sua candidatura al parlamento con al fianco uno dei figli del governatore (non quello coinvolto nell’inchiesta, ma quello destinato ad occupare un seggio alla Camera per “diritto di famiglia”) ? Siamo sicuri che la SMA, il cui presidente si è appena dimesso a seguito dei fatti emersi grazie all’inchiesta giornalistica, non abbia nulla a che fare con alcuni ben noti potentati locali?

E ancora: come si può conciliare lo sbandierato impegno per il nostro territorio con l’amicizia politica e personale con coloro che questo territorio lo hanno devastato, corrotto, inquinato forse irrimediabilmente? Sono domande a cui non noi, ma i cittadini devono trovare adeguate risposte. Il nostro invito è solo quello di riflettere prima di confermare fiducia a chi ha mostrato in più occasioni di non meritarla- continua il comunicato.

Neanche però, ovviamente, intendiamo offrire alibi ad un centrodestra che di quel sistema è ed è stato artefice e complice in tutti questi anni a cominciare dalla sciagurata gestione della “monnezza” da parte della giunta Caldoro. Del resto ci sono vicende che sono emblematiche circa la gestione della cosa pubblica. Oggi nel nostro collegio camerale vediamo schierati, apparentemente l’uno contro l’altro, i due maggiori responsabili del disastro del nostro Consorzio Aurunco di Bonifica. C’è chi, poi, non ha mancato di far sentire la sua “presenza” offrendo la solita “mancetta” elettorale ai disperati lavoratori che delle loro sciagurate scelte “gestionali” sono state le vittime principali, Una soluzione quella adottata dalla Regione a guida De Luca che rinvia solo di un paio di mesi la morte annunciata di un ente fondamentale per la salvaguardia ambientale del nostro territorio- continua il comunicato.

Una promessa ai lavoratori del Consorzio però la possiamo fare con tranquillità: saremo al vostro fianco, con la discrezione di sempre e senza nulla chiedere in cambio, dopo il 4 marzo (quando, siatene certi, si dimenticheranno nuovamente tutti di voi) e, ancor più, dopo il 31 maggio quando la “mancetta elettorale” non avrà più alcun effetto”, conclude il ‘Circolo Angelo Vassallo – Liberi e Uguali’ di Sessa Aurunca.

6 pensieri riguardo “SESSA AURUNCA – Politica e ‘affare rifiuti’, l’indignazione del ‘Circolo Vassallo – Liberi e Uguali’ dopo l’inchiesta giornalistica di Fanpage

I commenti sono chiusi.