CELLOLE – ‘La voce del fanciullino’, Fascitiello si aggiudica il primo premio con ‘Il temporale’. Ecco i nomi dei vincitori

CELLOLE – Due giorni di manifestazioni quelle organizzate dalla Pro Loco di Cellole in collaborazione con le associazioni ‘Karma Phoenix’ e ‘Centro Culturale Sapere’, ed il patrocinio dell’amministrazione comunale di Cellole, in particolare dell’assessorato alla Cultura nella persona di Alexia Russo. Sabato scorso, infatti, presso l’aula magna dell’istituto comprensivo ‘Serao-Fermi’ di Cellole, alla presenza

del sindaco facente funzioni Francesco Lauretano, dell’assessore Russo, del dirigente Luigi Sorreca, di don Cosma Capomaccio e dei rappresentanti delle associazioni, delle professoresse Prete, Rocca, Zambrotta, in una sala piena di studenti e genitori, sono state premiate le tre poesie vincitrici del primo concorso di poesia ‘La voce del fanciullino’. La serata, presentata da Liliana Lucciola e da Giuseppe Leone, ha visto la lettura delle undici poesie finaliste da parte dei loro autori e poi si è passati alla premiazione delle prime tre

alle quali sono state aggiunte altre tre per originalità e per aver toccato tematiche sociali particolari. Il premio originalità è andato a Gaia Decente con la poesia  IL MIO SALUTO, il premio Stati D’Animo a Giada Quarta con la poesia L’ADOLOSCENZA. Il premio Tematica Sociale a Francesco Serio con la poesia BULLO. Il terzo premio a Domenico Ferrara con la poesia IL VENTO. Secondo premio a  Luna Perillo con la poesia CORAGGIO. Primo premio a Antonio Fascitiello con la poesia IL TEMPORALE. Ecco di seguito la poesia vincitrice ‘Il temporale’:

Dalla finestra guardo malinconico il temporale                                                                                                                               La tristezza del cielo si abbatte sulla terra                                                                                                                                           il vento scuote gli alberi                                                                                                                                                                          sento quasi la loro sofferenza                                                                                                                                                                la pioggia cade sulle strade                                                                                                                                                  trasformandole in fiumi                                                                                                                                                                          il cielo diventa ancora più cupo                                                                                                                                                             il sole smette di sorridere                                                                                                                                                                      e i lampi si accendono per un istante 

quella luce sembra accecarmi