SESSA AURUNCA – Presidenza del consiglio, manca l’accordo: nessuno si presenta in Assise

SESSA AURUNCA (Matilde Crolla) – E’ andata deserta stasera l’assise di Sessa Aurunca. Uno solo era l’argomento all’ordine del giorno: la presidenza del consiglio comunale. Nessuno si è presentato fatta eccezione del consigliere anziano Ciro Marcigliano per l’appello…appello che di fatto non c’è stato. L’assenza della maggioranza dal consiglio comunale di oggi è la prova di un accordo non ancora raggiunto. Fino a due mesi

fa si vociferava che una volta superato lo ‘scoglio’ delle elezioni provinciali ed eletto Marcigliano in seno al parlamentino di palazzo di Corso Trieste il nodo della presidenza del consiglio comunale sarebbe stato sciolto e la poltrona sarebbe toccata a Luciano Di Meo o a Basilio Vernile. Invece, a quanto pare Marcigliano e parte del Partito democratico

continuano il braccio di ferro con il sindaco Lorenzo Di Iorio e con quella parte di maggioranza che non riconosce il presidente nel consigliere comunale più eletto alle scorse elezioni. Infatti, se l’accordo fosse stato raggiunto oggi si sarebbero presentati tutti in Assise e con nove voti avrebbero tentato di votare la presidenza trovando l’ostacolo solo nell’opposizione. Quanto sta accadendo a Sessa Aurunca

in questi mesi rievoca inevitabilmente l’anno 2007 quando ad amministrare era Luciano Di Meo. Anche in quella circostanza per ben tre anni Basilio Vernile ricoprì il ruolo di presidente del consiglio comunale ma solo perché consigliere anziano dopo che i più eletti come Carlo Fusco e Gianluca Sasso entrarono in giunta. Un dato è certo: per ora Marcigliano da quella poltrona nessuno lo smuove e potrebbe

andare avanti così vita natural durante anche senza essere eletto. L’impasse, se l’accordo non sarà raggiunto, ce lo ritroveremo tra venti giorni quando per legge sarà convocato un nuovo Consiglio per la nomina del presidente.