IL CASO – Elettrosmog, ‘no’ all’ innalzamento dei limiti del 5G: bocciato in Commissione emendamento di Italia Viva

ROMA (fm) – Bocciato in commissione alla Camera l’emendamento
per l’innalzamento dei limiti dell’elettrosmog finalizzato ad agevolare il 5G. La modifica presentata al dl Recovery, proposta da Italia viva, puntava ad alzare i limiti in Italia all’elettrosmog portandoli da 6 volt/metro a 61 volt/metro. Di fondamentale importanza, il ruolo giocato da Legambiente, da tantissimi medici Isde e da tantissime associazioni che avevano ufficialmente invitato i parlamentari a non votare una proposta basata su “nessuna evidenza scientifica”. Una proposta – quella di Italia viva – che per i firmatari del documento sembra arrivare direttamente “dal mondo dell’industria delle telecomunicazioni che più volte ha esercitato pressioni e avanzato richieste di innalzamento dei limiti di esposizione in una logica basata sul massimo profitto e la minima attenzione verso il principio di Precauzione”.