ROCCAMONFINA – Cestrone invita a scegliere gli scrutatori tra i giovani ed i disoccupati

ROCCAMONFINA (Antonio Migliozzi) – Il consigliere di minoranza Michele Cestrone, in qualità anche di membro della Commissione Elettorale del Comune di Roccamonfina, in prossimità delle votazioni per il rinnovo del Parlamento Europeo, ha espresso tale richiesta: “Gradirei, come gruppo di minoranza e membro della commissione elettorale, che gli scrutatori per le prossime elezioni europee venissero reclutati tra i giovani senza lavoro e disoccupati”.

Questo problema degli scrutatori risale ai tempi dell’uomo, nel senso che tra gli amministratori di un comune c’è sempre stata una certa “spartizione” di numero di scrutatori, cosa che sembrerebbe confermata anche dalle dichiarazioni del consigliere Cestrone. Fino a qualche fa gli scrutatori venivano sorteggiati, mentre adesso gli scrutatori di seggio elettorali vengono nominati dalla Commissione Elettorale Comunale, composta dal Sindaco e da tre consiglieri comunali eletti in Consiglio comunale. Sotto il profilo normativo, la scelta degli scrutatori da nominare per la composizione dei seggi in occasione di qualsiasi consultazione elettorale, è lasciata alla libera discrezione della Commissione elettorale. L’art. 6, comma 1 della Legge 8 marzo 1989, n. 95, infatti, non individua criteri sulla base dei quali provvedere alla scelta degli scrutatori, fatta salva, ovviamente, la loro inclusione nell’Albo.

Ora si spera che l’invito del consigliere Michele Cestrone venga accolto sia dal sindaco Carlo Montefusco che dal resto dei componenti della Commissione Elettorale Comunale, affinché possano essere individuati come scrutatori dei giovani del posto che non abbiano al momento una occupazione lavorativa.