*ESCLUSIVA* RAVISCANINA – Antenna in località Pallara, la Soprintendenza ‘gela’ Masiello

RAVISCANINA (Francesco Mantovani) – Antenna in località Pallara, arriva un’altra doccia fredda per il sindaco Ermanno Masiello. Con una missiva di fuoco indirizzata al comune di Raviscanina, la ‘Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento’ ha richiesto all’ente municipale informazioni dettagliate in merito all’installazione della stazione radio base, facendo rilevare che l’area è sottoposta a vincolo paesaggistico.  Non solo, attraverso la nota indirizzata al comune, la Soprintendenza fa notare che la Pallara si trova nelle immediate vicinanze dell’insediamento medievale di S.Angelo di Rupecanina e ricade in un comprensorio ad alto rischio archeologico per la presenza di un monumento funerario romano sottoposto a vincolo archeologico e per la presenza di complessi rustico – residenziali di età

romana e di necropoli plurifase. Dando, tra l’altro, anche una lezione di storia del territorio al sindaco e alla sua  giunta. Inoltre la Soprintendenza ha anche affermato di non aver ricevuto gli elaborati progettuali dell’opera. Dopo la costituzione del comitato cittadino, la raccolta firme andata a gonfie vele, l’interessamento alla vicenda da parte del ‘Movimento per la pace’ e del sindacato allevatori Alto Casertano, adesso tocca alla Soprintendenza assestare un altro duro colpo alla fascia tricolore che, dopo aver avuto modo di verificare la fonte che tanto cercava, relativa alla presenza di Raviscanina nell’elenco dei centoventi comuni nei quali dovrebbe partire la sperimentazione della tecnologia 5G (Autorità per le garanzie delle Comunicazioni, delibera numero 231/18/CONS), è ulteriormente sollecitata ad opportune riflessioni.