CELLOLE – Centro Diabetologico, Capone e Mozzillo a confronto con Iovino per il potenziamento della struttura

 

 

CELLOLE  – Potenziamento del Centro Diabetologico di via Leonardo: si sono incontrati, presso la sede della struttura (ex Centro di Riabilitazione) di Cellole, il prof. Giulio Capone, in rappresentanza dell’Unione Nazionale Consumatori e dell’associazione Euterpe di Carinola, e il dottor Valerio Mozzillo, presidente dell’associazione ReAzione Cellole, già componenti del direttivo dell’Associazione Diabetici con sede proprio nella struttura sanitaria cellolese.

Oggetto dell’incontro, cui ha presenziato il vicesindaco di Cellole Giovanni Iovino, è stata la valutazione dei tanti servizi di ottima qualità forniti e lo sviluppo delle enormi potenzialità che ancora possono essere espresse dal Centro che, ricordiamo, serve un grande territorio ai confini col Lazio, con diverse decine di migliaia di abitanti, nel quale si affrontano le più diverse problematiche conseguenti da una delle più complesse patologie che possono colpire l’uomo, il diabete.

Il Centro offre dunque già oggi prestazioni di livello grazie a professionisti, medici e paramedici, tra i migliori del territorio. Ma tutto può essere migliorato e questo deve essere l’obbiettivo soprattutto quando si tratta della salute dei cittadini; a tal proposito, quindi, sarà necessario aumentare la disponibilità di infermieri, perennemente sotto organico, e sono pure necessarie nuove forniture di materiali sanitari e dispositivi da affidare al malato. Si rinnoveranno dunque al più presto gli organi dell’Associazione Diabetici (per la quale il prof. Capone si è detto disposto alla rappresentanza nel periodo di transizione) che farà subito dopo richiesta all’ASL affinché affronti immediatamente le suddette criticità.

Dopo i saluti del dottor Luciano Di Meo, cardiologo e responsabile del servizio ipertensione e del dottor Del Buono, diabetologo del Centro, i presenti si sono dati appuntamento a stretto giro per un incontro col coinvolgimento di altre associazioni degli organismi politici territoriali, in particolar modo della sindaca di Cellole Cristina Compasso, affinché si conosca l’importantissimo apporto del Centro alla salute dei cittadini di Cellole e di tutto il territorio limitrofo e sulla necessità di ulteriore potenziamento strutturale di un’eccellenza di livello regionale.