ROCCA D’EVANDRO – Autoimprenditorialità, successo del convegno organizzato dal gruppo ‘Rinnovamento civico per Rocca d’Evandro’. LA CRONACA

ROCCA D’EVANDRO (Antonio Migliozzi) – Riuscito il convegno che si è tenuto nei giorni scorsi a Rocca d’Evandro ed organizzato dal gruppo consiliare Rinnovamento Civico per Rocca d’Evandro, il quale ha riunito al tavolo dei relatori diversi rappresentanti delle istituzioni regionali, dell’università e del mondo del lavoro. Più che un convengo si è trattato di un “dialogo a più voci” tra gli esperti dei vari settori di provenienza che, stimolandosi a vicenda, hanno fornito alla platea una ricetta alquanto chiara per

il reperimento di posti di lavoro e di indicazioni circa lo sviluppo di attività autoimprenditoriali con il sostegno della Regione Campania. Ogni relatore ha dato il via al proprio intervento ringraziando gli organizzatori – Daniele Marandola ed Ivan Marandola – per l’interessante argomento trattato. Ad aprire il dibattito è stato il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Cassino Giovanni Betta, il quale ha più volte sottolineato come orientare in modo efficace i giovanissimi diplomati alla carriera universitaria sia un punto di partenza fondamentale ed imprescindibile per il reperimento di un’adeguata occupazione. Di seguito

c’è stato l’intervento del Presidente di Confimprese Italo Guido D’Amico ritenendo fondamentale per piccole e medie imprese – costituenti i due terzi dell’ossatura aziendale italiana – poter accedere ad un bacino di operatori formatti per uno specifico impiego, specificando che i giovani laureati e non  debbano sempre puntare sempre all’autoimprenditorialità per sopperire alla fine del “posto fisso”. Subito dopo c’è stato l’intervento di Alessandro Silvestri, presidente dell’Associazione dei laureati UNICAS, il quale ha dato un quadro più generico della situazione nel mondo del lavoro da qui a cinque anni, sottolineando

come il conseguimento delle cosiddette “soft skills” sia sempre più fondamentale in un periodo di rapide evoluzioni. Per i Centri dell’Impiego è intervenuta Letizia Tari – responsabile delle sedi di Teano e Sessa Aurunca – la quale ha invitato i presenti a rivolgersi sempre più ai loro centri di zona e le istituzioni a creare una vera e propria rete che si avvalga della mappa dei bisogni custodita dai suoi uffici, mezzo indispensabile per comprendere la geografia occupazionale locale. Ivan Marandola – presente in doppia veste di amministratore comunale ed imprenditore – ha tracciato una “road map” di interventi concreti

per favorire l’occupazione a livello locale, individuando nell’agricoltura, nello sport, nel turismo e nel settore industriale i punti fondamentali da incentivare. Le conclusioni sono state lasciate all’assessore regionale Sonia Palmeri, che non ha mancato di sottolineare tutti gli sforzi profusi dall’amministrazione regionale sul tema, dai milioni di euro investiti all’apertura dei prossimi bandi, dall’accorpamento nell’organigramma regionale dei centri per l’impiego fino ad arrivare all’apertura di oltre 20 misure per favorire l’assunzione da parte delle aziende, di determinate

categorie a rischio e non, senza porre limiti di età. “La mancanza di lavoro non è soltanto un problema dei giovani – ha dichiarato l’assessore Palmeri – si veda la questione degli over 40 ed over 50, destinatari di apposite borse di lavoro e di una formazione che al momento sta dando ottimi risultati a livello di reinserimento lavorativo”. I lavori sono stati coordinati dal Daniele Marandola, consigliere comunale per il gruppo Rinnovamento Civico.