CELLOLE – Reperti archeologici duranti gli scavi per la condotta idrica, lavori fermi al palo già da un mese

CELLOLE (Matilde Crolla) – Lavori bloccati da circa un mese sulla strada statale Domizia a seguito del rinvenimento di reperti archeologici risalenti all’antica Appia. L’opera pubblica, commissionata dall’amministrazione comunale di Cellole, guidata dalla sindaca Cristina Compasso, su interessamento dell’assessore ai Lavori Pubblici, Giovanni Iovino, è destinata alla realizzazione di una condotta idrica che partendo dall’ingresso di Baia Domizia, nei pressi della

nuova rotonda, porterà acqua anche al basso Lazio ed in particolare ai Comuni di Minturno-Scauri e Santi Cosma e Damiano. Accanto alla condotta di Acqua Campania ne sarà realizzata un’altra più piccola che sarà destinata a Casamare. I lavori, scaturiti da un accordo tra regione Lazio e regione Campania, dovrebbero essere conclusi entro l’inizio dell’estate, ma vista la sospensione

imprevista è possibile che si protrarranno. Le amministrazioni comunali interessate da tale intervento, Cellole in primis, sono in attesa di conoscere le intenzioni della Sovrintendenza ai Beni Culturali che ha provveduto a far transennare l’area in questione. Tra l’altro, non si esclude che nel corso del prosieguo dei lavori non possano uscire fuori nuovi reperti.