SESSA AURUNCA – Si getta nel Volturno perché la moglie vuole lasciarlo, migliorano le condizioni del 42enne

SESSA AURUNCA / ALIFE (Matilde Crolla) – Sono in netto miglioramento le condizioni di salute di V.C., ricoverato da ieri nel reparto di SPDC dell’ospedale ‘San Rocco’ di Sessa Aurunca. L’uomo ha rischiato di annegare nelle acque del fiume Volturno ed è stato tratto in salvo per miracolo dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Piedimonte Matese. E’ stata la moglie ad allertare i militari dell’allontanamento dalla casa coniugale del proprio marito, con intenti suicidi scaturiti

dalla richiesta di separazione avanzata dalla stessa. I carabinieri hanno tempestivamente avviato le ricerche che, poco tempo dopo, hanno consentito di intercettare l’uomo, nei pressi del ponte “dei briganti” ad Alife, immerso nel fiume Volturno sino alla cintura.

Dopo vari tentativi da parte degli carabinieri di farlo desistere dal suo intento, l’uomo si è lasciato travolgere dalle acque in piena che, dopo averlo trascinato per alcuni metri, lo hanno spinto contro una roccia ivi presente. I carabinieri presenti sul posto si sono subito tuffati in suo soccorso, riuscendo ad afferrarlo ed a trascinarlo in salvo sulla riva. Il 42enne, visitato dai sanitari del servizio 118 ivi sopraggiunti, è stato trasportato presso l’ospedale civile di Sessa Aurunca per le cure del caso. Oggi le sue condizioni sono in netto miglioramento.