CELLOLE – Maggioranza nella maggioranza, strappo in amministrazione nella riunione per la nomina degli esperti del paesaggio

CELLOLE (Matilde Crolla) – Una maggioranza nella maggioranza: è quello che sta emergendo negli ultimi tempi in amministrazione comunale. La goccia che ha fatto traboccare il vaso e portato alla luce questa situazione politica alquanto ‘fastidiosa’ è stata l’ultima riunione tenutasi in Comune propedeutica all’elezione dei componenti della commissione paesaggistica. Durante la riunione è emersa una linea non comune a tutti i componenti della maggioranza, come se si fossero formati due fronti

contrapposti. Tant’è vero che ad un certo punto sembra che Giovanni Di Meo ed Umberto Sarno abbiano deciso di abbandonare la riunione. Questa spaccatura si è venuta a creare già tempo. La sindaca, Cristina Compasso, figura superpartes, in diverse occasioni pare abbia cercato di porre fine a queste ostilità. Ma ogni occasione è buona per ritrovarsi punto e accapo. Il gruppo più forte numericamente, la cosiddetta ‘maggioranza nella maggioranza’, pare voglia continuare perseguendo la linea prefissata dall’inizio, ossia lavorare alacremente per raggiungere determinati obiettivi, essere propulsiva, cercare di colloquiare con tutti, e farsi

portavoce delle istanze dei cittadini a prescindere da chi ha deciso o meno di sostenere la lista ‘Cellole libera’ nelle passate elezioni. La forza numerica di questo gruppo ovviamente pesa a chi ha posizioni diverse nelle scelte amministrative e dunque inevitabilmente in ogni occasione che si presenta emerge qualche intoppo e si finisce col discutere anche pesantemente. Decisioni che hanno scosso gran parte dell’opinione pubblica come quella di tenere a casa alcuni netturbini stagionali nei mesi estivi o togliere la gestione del Carnevale ai ragazzi del ‘Comitato permantente pro Carnevale’, non sono state accolte

di buon grado da quella parte di maggioranza di cui parlavamo poc’anzi. Ma in questo caso le decisioni sono state prese con il bene placito della sindaca.  La nomina del nuovo segretario comunale, Francesco Battaglia, contribuirà comunque a creare un clima diverso, almeno durante le riunioni di giunta. La sindaca, dal suo canto, da brava ‘mater familias’ dovrà cercare di trovare il giusto equilibrio nell’individuare una linea che possa evitare che questa spaccatura possa diventare uno strappo insanabile a scapito dell’intera amministrazione comunale.