MONDRAGONE – Cavalcavia, cumuli di rifiuti: è polemica

MONDRAGONE (Alfonso Attanasio) – Tutti in città conoscono la situazione dove c’è un continuo ed incessante sversamento incontrollato di rifiuti e tutti sanno bene che un intervento deciso e radicale sarebbe fondamentale per riqualificare una zona così importante e centralissima della città soprattutto intorno alla costruzione del cavalcavia e in via Razzino. Ormai non ci sono più scusanti ed alibi per amministratori e loro funzionari, oltre all’incompetenza enorme che è sotto gli occhi di tutti si aggiunge

anche la volontà di fare solo alcune cose per i propri interessi. Il cavalcavia che non si completa sta diventando, soprattutto all’interno della recinzione, sversamento di rifiuti, come lo dimostrano le foto. E’ vergognoso mantenere un cavalcavia ancora da terminare in modo pietoso. Oggi oltre all’assenza di qualsiasi manutenzione ordinaria per terminare i lavori del cavalcavia, è diventato un servizio di raccolta dei rifiuti soprattutto oltre la recinzione.   E’ inspiegabilmente la non curanza dell’amministrazione che dovrebbe ripulire tutta l’aria che circonda il cavalcavia  perché è diventata un’area  incompiuta

e devastata. Si è inoltre sottolineato che bisogna anche guardare alla ciclope donabilità ovvero  le finalità ed i criteri da considerare a livello generale di pianificazione e dettagliato di progettazione, nella definizione di un itinerario ciclabile di favorire e promuovere un elevato grado di mobilità ciclistica e pedonale, puntare all’attrattività alla continuità ed alla riconoscibilità’ dell’itinerario

ciclabile, privilegiando i percorsi più brevi, diretti e sicuri secondo i risultati di indagini sull’origine e la destinazione dell’utenza ciclistica; nonché verificare l’oggettiva fattibilità ed il reale utilizzo degli itinerari ciclabili.