SESSA AURUNCA – Mancato riconoscimento dei debiti fuori bilancio, Verrengia e Truglio chiedono spiegazioni a sindaco e giunta

SESSA AURUNCA (Matilde Crolla) – Debiti fuori bilancio e non riconosciuti, non si ferma l’attività politica del gruppo di ‘Generazione Aurunca’ che all’indomani del Capodanno scende in campo con un comunicato stampa in cui vengono chiesti chiarimenti all’amministrazione comunale targata Silvio Sasso. “La presente istanza al fine di richiedere chiarimenti in merito alla reale situazione finanziaria in cui versa il Comune di Sessa Aurunca. Infatti, nell’ambito della nostra attività di controllo quali

Consiglieri Comunali di minoranza del Gruppo “Generazione Aurunca” ed in virtù delle deliberazioni consiliari sottoposte al vaglio del Civico Consesso e/o approvate dal medesimo nel corso dell’intero anno solare 2018, chiuso con il Consiglio tenutosi in data 27/12/2018, abbiamo riscontrato come – a differenza di quanto avveniva negli anni passati (ex multis cfr. Deliberazione Consiliare n. 50/E.I. del 29/12/2017 allegata) – non si sia provveduto al riconoscimento di alcun debito fuori bilancio (d’ora in poi DFB)- si legge nel comunicato stampa di Alberto Verrengia e Mario Truglio-. Tale singolare

circostanza, visto che sappiamo, anche tramite il confronto con alcuni uffici comunali, per certo che numerosi avvocati hanno nel corso del corrente anno notificato titoli esecutivi nei confronti del Comune di Sessa A. e che tali titoli non sono stati onorati, ci induce a formulare alle SS.VV. alcuni quesiti:

  1. a) Se sia stata richiesta a tutti i Responsabili dei Settori in cui è articolata la struttura organizzativa del Comune di Sessa Aurunca la dichiarazione sulla esistenza o meno di debiti fuori bilancio;      
  2. b) In caso affermativo, Vogliate darci cortesemente contezza delle singole risposte;
  3. c) Se in relazione al contenzioso pendente in cui risulti
  4. coinvolto il Comune di Sessa A., sia stata o meno predisposta dal Responsabile del Settore Affari Generali e/o dal Responsabile del Servizio Legale idonea relazione, anche alla luce della intervenuta soppressione del Settore Avvocatura Civica e della conseguente revoca del Responsabile;
  5. d) Se, nel corso del corrente anno, il Collegio sia stato messo quantomeno al corrente dal Responsabile del Settore Patrimonio e/o dall’Assessore alle Finanze dell’esistenza di numerose ordinanze di assegnazione notificate al Comune in qualità di terzo pignorato ed in giacenza presso il Settore Patrimonio in relazione ad atti di pignoramento presso terzi promossi contro il Consorzio Aurunco di Bonifica negli anni 2017-2018″, conclude il comunicato. Si spera che nei prossimi giorni ci saranno chiarimenti da parte del sindaco Sasso e dell’assessore al Bilancio.