SESSA AURUNCA – Sdemanializzazione della costa del Garigliano, ambientalisti in allerta ma il Consiglio rinvia l’argomento

SESSA AURUNCA (Matilde Crolla) – Una delegazione di Legambiente ieri sera si è recata presso il Salone dei Quadri per assistere al consiglio comunale nel corso del quale doveva essere affrontato l’argomento relativo alla sdemanializzazione degli usi civici nei pressi della costa del Garigliano. Ma l’argomento è stato rinviato su proposta della maggioranza per un ulteriore approfondimento

dell’argomento. Era sicuramente il tema più interessante rispetto a tutti gli altri che non sarebbe passato inosservato agli occhi dei cittadini e degli ambientalisti. Quest’ultimi, infatti, temono che la scelta dell’amministrazione possa nuocere all’ambiente. Mentre l’opposizione, in particolare il gruppo di ‘Generazione Aurunca’, rappresentato dai consiglieri Alberto Verrengia e Mario Truglio, ha manifestato il proprio dissenso rispetto al rinvio dell’argomento, sottolineando comunque la propria contrarierà rispetto

a questo atto che potrebbe vedere in futuro qualche privato investire su quell’area sdemanializzata. Ma la maggioranza ha voluto prendere del tempo per valutare bene il tutto, per cui l’argomento è stato rinviato alla prossima assise. E’ stata, dunque, una seduta di consiglio comunale alquanto veloce. Approvati tutti gli argomenti all’ordine del giorno, alcuni dei quali hanno visto l’unanimità dell’intera assise. Assenti, nell’occasione, i due consiglieri comunali della Sinistra Italiana ‘Circolo Angelo Vassallo’, Maria Teresa Sasso e Domenico Bevellino, il capogruppo di ‘Nuovo Patto Aurunco, Luigi Tommasino e di ‘Ora’, Emilio Pecunioso. Per la

maggioranza era assente il consigliere Riccardo Zannini. Il civico consesso ha avuto inizio con il presidente, Massimo Schiavone, che ha chiesto di votare i verbali della seduta precedente. Si è passati poi alla discussione della proposta di intervento per la realizzazione di una struttura di interesse pubblico da destinare ad attività di officina meccanica elettrauto e centro di revisione. Sull’argomento ha relazionato l’assessore Casale. Si è poi proceduto all’approvazione del regolamento per la nomina ed il funzionamento dell’Organismo Indipendente di Valutazione della Performance (OIV). Sull’argomento ha relazionato l’assessore Fusco. Ha poi preso

la parola il sindaco Sasso che ha spiegato che rispetto a tali nomine non vie è alcuna preparazione di posti retribuiti, ma si tratta di un regolamento che va affrontato perché la città di Sessa Aurunca, a differenza di molti altri Comuni d’Italia, è ancora indietro rispetto a tale modifica. L’argomento ha visto il voto unanime dell’intera assise. Si è discusso poi del regolamento dei controlli interni. Su questo argomento è intervenuto il capogruppo Verrengia che ha manifestato la sua disapprovazione rispetto allo sdoppiamento delle competenze, facendo una critica alquanto forte nei confronti dei vari gruppi presenti in maggioranza. Non

è mancato a quel punto l’intervento infuocato del capogruppo del Pd, Ciro Marcigliano, che ha invitato Verrengia a leggere bene il regolamento e ad evitare di attaccare in maniera gratuita. Schiavone è passato poi alla discussione sul regolamento comunale per le sponsorizzazioni e per adozioni di aree verdi appartenenti al patrimonio comunale. Su questo argomento ha preso la parola il consigliere Luca Sciarretta che ha sottolineato come anche lui in passato ha preparato tale regolamento non riuscendo mai a portarlo in consiglio

comunale per l’approvazione. Si tratta di un regolamento che consentirà ai privati di sponsorizzare un’area verde valorizzandola, senza che il Comune debba pagarne le spese. Infine, il consiglio comunale si è concluso con l’annullamento di una vecchia delibera che prevedeva la vendita di un terreno in località ‘Vigne’ e la decisione del Comune di bonificarla e riqualificarla.