SESSA AURUNCA – Avvocatura civica, anche il Consiglio di Stato ‘boccia’ il Comune: il ricorso di Iodice va avanti

SESSA AURUNCA (Matilde Crolla) – Avvocatura civica, il Consiglio di Stato ‘boccia’ il Comune di Sessa Aurunca e conferma la sospensione cautelare della delibera n. 338 del 22/12/201  avente ad oggetto la “modifica della struttura organizzativa dell’Ente” con la quale si sopprimeva l’Avvocatura civica. Una nuova vittoria per l’avvocato Massimo Iodice (nella foto) che aveva ottenuto

lo scorso 29 marzo l’accoglimento del ricorso da parte del Tar Campania stabilendo la sospensione del provvedimento di soppressione del Settore dell’Avvocatura Civica, retta proprio da Iodice, fissando per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 23 ottobre 2018. Ricordiamo che lo scorso gennaio l’amministrazione comunale procedeva alla soppressione dell’Avvocatura civica (delibera n. 338 del 22/12/201), retta dall’avvocato Massimo Iodice, istituendo

il servizio Contenzioso all’interno del settore Affari Generali. Successivamente, nel consiglio comunale del 10 marzo 2018, la maggioranza approvava il regolamento per l’affidamento degli incarichi del Comune ad avvocati esterni tramite short list. Ma l’avvocato Iodice, contestualmente, presentava ricorso al Tar ottenendo l’accoglimento dello stesso. L’Amministrazione comunale, allo stato, dovrebbe ripristinare il Settore Avvocatura Civica ottemperando all’ordinanza del TAR Campania.