CELLOLE / MONDRAGONE – Il Riesame di Napoli scarcera l’ufficiale di polizia arrestato per presunta violenza sessuale

CELLOLE / MONDRAGONE – L’ufficiale di polizia, Andrea Laracca, indagato nel procedimento penale incardinato presso la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, in relazione ai gravi reati di concussione e violenza sessuale a carico di una donna mondragonese, è ritornato in libertà su decisione del tribunale del Riesame di Napoli.

A seguito dell’ordinanza applicativa degli arresti domiciliari emessa dal Gip presso il tribunale di S.maria C.V., su richiesta della Procura competente, a carico del predetto indagato, la difesa nella persona dell’Avv.Lorenzo Montecuollo proponeva riesame avverso a tale provvedimento innanzi al Tribunale de Libertate di Napoli. L’udienza si è celebrata stamane innanzi alla XII sezione Coll.D , costituito interamente da Giudici Donne. La difesa in sede di udienza ha depositato copiosa documentazione afferenti

ad indagini difensive nonchè il provvedimento di sospensione temporaneo a carico dell’indagato dal servizio in Polizia. Le doglianze difensive hanno riguardato tanto l’insussistenza  degli indizi di colpevolezza che le esigenze cautelari sottese al provvedimento restrittivo. A seguito della discussione in sede di Riesame, il Collegio si è ritirato in Camera di Consiglio riservandosi sulla decisione. Quest’ultima è stata assunta alcune ore dopo ed ha comportato la revoca degli arresti domiciliari con conseguenziale ed

immediata liberazione dell’indagato posta in essere dai CC di Formia. Permane in capo all’indagato il provvedimento cautelare di sospensione dal pubblico ufficio per 6 mesi in attesa che la vicenda venga definita. Si conclude quindi , positivamente per l’ufficiale di P.G., solo la fase cautelare della vicenda giudiziaria, in considerazione del fatto che le indagini preliminari non sono  ancora concluse e nessuna determinazione è stata assunta nell’ambito del procedimento ordinario. L’indagato

si è sin dall’interrogatorio di garanzia innanzi al Gip Dott.ssa Villano, sempre considerato e professato innocente ed è intenzionato a difendere la sua persona nonchè la sua professionalità in tutte le sedi deputate in tal senso.