SESSA AURUNCA – Consorzio di Bonifica, Marcigliano: basta strumentalizzazioni, grazie ad Oliviero stanno arrivando anche i fondi per l’irrigazione

SESSA AURUNCA (Matilde Crolla) – “Adesso basta con le strumentalizzazioni, vi dico io le cose come sono andate!”, esordisce così il capogruppo del Partito Democratico di Sessa Aurunca, Ciro Marcigliano, alle provocazioni che il consigliere regionale Gennaro Oliviero sta ricevendo in questi giorni. “Se si è arrivati alla delibera di proroga del trasferimento momentaneo dei servizi del Consorzio Aurunco di Bonifica a quello di Napoli-Volla si deve a Oliviero che con il sostegno di Franco Alfieri e Fulvio Bonavitacola si è impegnato

per la risoluzione dell’annosa problematica del Consorzio- spiega Marcigliano-. E questo lo possono confermare i tanti operai stagionali dell’Ente, circa settanta persone che hanno deciso di non scioperare, di non occupare il Consorzio, di non incatenarsi perché sanno bene come stanno le cose, sanno bene l’impegno che il nostro rappresentante istituzionale Oliviero sta mettendo in Regione”. Marcigliano sulla questione legata alla mancata copertura finanziaria spiega: “Non devo certo spiegarlo io che prima

di tutto va approvata la delibera e poi i dirigenti regionali possono procedere con la preparazione del decreto di stanziamento dei fondi. Andava prima approvata la delibera di proroga dell’accorpamento momentaneo al Consorzio Napoli-Volla, come registratosi settimana scorsa, ed ora si può procedere con la preparazione del decreto di finanziamento. Ma era stato già tutto deciso, proprio grazie all’impegno costante di Oliviero che non ha mai abbandonato gli operai del Consorzio, ma non ha neppure la bacchetta magica per risolvere subito tutti i problemi”. Ciro Marcigliano incalza: “Se il Consorzio

Aurunco di Bonifica si è ridotto in questo modo negli anni non è certo colpa di questa amministrazione regionale di centrosinistra, né tantomeno di Gennaro Oliviero. Sappiamo bene tutti come sono andate le cose, sappiamo bene delle assunzioni che sono state fatte senza alcun bando pubblico all’epoca dell’amministrazione Caldoro. Assunzioni che non potevano essere fatte se pensiamo che il Consorzio già viveva una situazione complicata. All’epoca era stato nominato

un commissario straordinario per risollevare le sorti già disastrate del Consorzio ed invece la situazione è peggiorata sempre di più fino ad arrivare ad oggi”. Marcigliano, dunque, ha anche assicurato che quanto prima partirà anche il servizio di irrigazione delle campagne e gli operai stagionali torneranno a lavorare.