CELLOLE/BAIA DOMIZIA – Sub salvato in extremis dal titolare del lido Azzurro Ponticelli mentre era in balìa delle onde

CELLOLE/BAIA DOMIZIA (Matilde Crolla) – Salvato in extremis un sub di circa 55 anni. L’uomo, partito in mattinata da Lido Sinope per delle immersioni subacquee, si è ritrovato in balìa della corrente marina che lo allontanava sempre di più dalla costa. E’ stato il proprietario del Lido Azzurro, Giuseppe Ponticelli (anche assessore al Turismo del Comune di Cellole ndr), ad accorgersi che il sub si trovava in

difficoltà in quanto aveva notato, con il binocolo in dotazione dello stabilimento, che da diverso tempo la boa di segnalazione era ferma sempre allo stesso posto. A quel punto, attraverso l’altoparlante, per verificare se il suo timore fosse o meno giustificato, non potendo fare diversamente vista la distanza che lo separava dal sub, ha chiesto allo stesso di nascondere la boa di segnalazione sotto l’acqua se si trovava in difficoltà. Il sub, in evidente pericolo, ha seguito l’indicazione di Ponticelli che si è immediatamente

attivato raggiungendo l’uomo, a circa mezzo chilometro dalla costa, e mettendolo in salvo. Un’operazione tempestiva che ha salvato una vita. Senza la moto d’acqua e soprattutto senza la perspicacia di Ponticelli che ha intuito la difficoltà del sub molto probabilmente si sarebbe consumata l’ennesima tragedia nel mare di

Baia Domizia. Non è la prima volta che Ponticelli riesce a mettere in salvo bagnanti in difficoltà. Grazie al brevetto in possesso per la guida della moto d’acqua e all’attestato di primo soccorso in mare il titolare del Lido Azzurro spicca nelle cronache locali per le sue operazioni di salvataggio. Tra l’altro la moto d’acqua, presente proprio presso il suo stabilimento, appartiene alla società di soccorso marino Ascara con cui

il Comune di Cellole è convenzionato. La società garantisce bagnini su tutto il litorale di competenza insieme a diversi mezzi di soccorso, tra cui la moto d’acqua che copre circa quattro chilometri di costa dal lido Royal Beach al Lido Sinope.