SESSA A./BAIA DOMIZIA – Mamme e bambini ucraini per una settimana lontani dalla guerra. Natalia ci racconta gli orrori del conflitto. L’INTERVISTA

SESSA AURUNCA / BAIA DOMIZIA (Matilde Crolla) – Sono circa venti le giovani mamme ucraine giunte in Italia, precisamente a Baia Domiza, nei giorni scorsi con i loro bambini. In tutto settanta tra mamme e bambini che il direttore del Park Hotel di Baia Domizia, Michele Vitale, ed il proprietario Luigi Caruso hanno voluto ospitare nella struttura per dare loro la possibilità di avere una ‘boccata d’ossigeno’ in un momento storico così

drammatico per la loro terra (http://www.macronews.it/?p=39446). Resteranno a Baia Domizia per una settimana, per poi darsi il cambio con un altro gruppo proveniente da Leopoli, proprio come loro. Abbiamo voluto intervistarle. La ‘capogruppo’ Natalia si è resa disponibile a raccontarci la sua esperienza vissuta lì, dove la guerra continua ad imperversare e a mietere vittime. Grazie

alla collaborazione di Ines, che ci ha fatto da interprete, le parole di Natalia ci hanno consentito di cogliere il dramma che sta vivendo il popolo ucraino in queste terribili settimane. ASCOLTIAMO L’ESCLUSIVA INTERVISTA VIDEO (basta cliccare in alto)