CELLOLE – Domani il concorso pubblico per l’assunzione di tre vigili, il Comune presto nelle mani del commissario

CELLOLE (Matilde Crolla) – Sono in molti a chiedersi cosa accadrà ora che il Comune di Cellole non ha più una guida politico-amministrativa. Dalla data di rassegna delle dimissioni del sindaco facente funzioni, Francesco Lauretano, dovranno trascorrere venti giorni come legge vuole. Venti giorni nel corso dei quali gli uffici continueranno a svolgere l’ordinario. La supervisione è affidata al segretario comunale che è l’organo monocratico che fornisce assistenza giuridica agli organi del Comune

per garantire che i loro atti siano conformi alle norme di legge, allo Statuto e alle procedure amministrative. Trascorsi i venti giorni dalle dimissioni del sindaco la Prefettura di Caserta procede con la nomina del commissario prefettizio che secondo la legge ha tutti i poteri del sindaco, Consiglio Comunale e Giunta, sia ordinari che straordinari, senza alcuna limitazione particolare. Le funzioni del commissario prefettizio sono di amministrare l’ente finché non viene eletto un nuovo Consiglio. In questa fase, ovviamente, sarà

espletata l’ordinaria amministrazione ma non essendo stato approvato il bilancio è chiaro che gli uffici subiranno un rallentamento delle attività. Per quel che concerne il concorso pubblico per titoli ed esami, per l’assunzione a tempo indeterminato di tre agenti di polizia municipale part time al 50%, bandito dal Comune con atto di giunta, è stato affidato l’obiettivo amministrativo al responsabile per cui si svolgerà regolarmente domani essendo ormai un atto di gestione a tutti gli effetti.