SESSA AURUNCA – Il Comitato studentesco incalza: in classe si ritorna solo a patti e condizioni. Il comunicato

SESSA AURUNCA – “Solo se verranno applicate le previste e necessarie misure di sicurezza per evitare il diffondersi dei contagi da Covid-19, noi studenti di Sessa Aurunca ritorneremo tra i banchi. Questa continua ad essere la nostra posizione”. Inizia così il comunicato

stampa del Comitato studentesco di Sessa Aurunca dopo che una sua delegazione ieri mattina è stata ricevuta dal sindaco di Sessa Aurunca Lorenzo Di Iorio. “Abbiamo precisato che non facciamo protesta perché vogliamo obbligatoriamente la didattica a distanza, anzi, VOGLIAMO

RIENTRARE IN SICUREZZA ma se la stessa non è garantita vogliamo tutelare anche il diritto all’istruzione e quindi avviare una didattica a distanza- si legge nel comunicato – .

Se dobbiamo attenerci alle regole vogliamo anche che ci vengano forniti i purificatori d’aria, mascherine FFP2, distanziamento e lo screening prima

del rientro in presenza, per quest’ultimo punto, dopo l’incontro avvenuto ieri mattina, sempre in contatto con il sindaco, siamo riusciti ad avere l’appoggio dall’amministrazione comunale e verrà organizzato uno screening

di tamponi per gli studenti delle scuole superiori. Inoltre, si porta a conoscenza che nella riunione di ieri mattina abbiamo ritenuto opportuno parlare del problema “trasporti” ed abbiamo ricevuto subito dopo il primo effetto dell’attivazione della suddetta amministrazione, si spera che rimanga tale e

che le ditte dei trasporti rispettino tale avviso.
Si rende noto che il comitato studentesco RINGRAZIA l’amministrazione comunale, il sindaco Di Iorio e tutte le persone che hanno dimostrato vicinanza in questo clima di preoccupazione”.