SANTA MARIA CAPUA VETERE – Una giornata in ricordo dell’avvocatessa Ebru Timtik

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Il Comitato Pari Opportunità del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere ricorda oggi l’avvocata turca Ebru Timtik, in occasione del trigesimo della sua morte avvenuta lo scorso 28 agosto e si associa alle reazioni di sdegno espresse dopo la sua scomparsa da numerosi ordini forensi e da molte organizzazioni internazionali. L’avvocata era stata condannata a oltre 13 anni di carcere, a seguito di un processo farsa, per aver difeso la famiglia di un presunto terrorista; invocando un giusto processo per sé e per tutti, aveva iniziato uno sciopero della fame che dopo 238 giorni l’aveva purtroppo portata alla morte. Ricordare questa donna e questa Collega è doveroso, affinché il suo sacrificio non sia stato inutile: con la sua terribile vicenda personale, l’avvocata Ebru Timtik ha, infatti, evidenziato al mondo intero l’alta funzione dell’avvocatura che, nei regimi nei quali non è consentita la piena libertà di pensiero e di espressione né la difesa dei diritti civili, rappresenta l’ultimo baluardo di legalità. Inoltre anche nei paesi occidentali e dunque anche qui in Italia, oggi più che mai è necessario riaffermare un valore fondamentale della democrazia, che non conosce confini né nazionalità e si erge a tutela di tutti i cittadini, che è il diritto di difesa, costituzionalmente garantito ed esercitato tramite il ruolo insostituibile ed il lavoro degli avvocati.