CELLOLE – ‘Famiglie resilienti’, il libro empatico della Cappabianca dedicato ai compianti Ida Rocco e dottor Cavallo. L’INTERVISTA

CELLOLE (Matilde Crolla) – Una serata unica nel suo genere: Rossella Cappabianca presenta il suo libro ‘Famiglie resilienti’ (edito da Diogene Edizioni) nella splendida cornice del lido ‘Mare Blu’ di Franco Migliozzi. Una novità il suo testo: il primo saggio di mediazione familiare scritto da un sociologo. Il parterre dei relatori è stato caratterizzato dagli interventi degli avvocati Teresa Pagliaro e Mariangela Merola

che collaborato alla stesura di un paragrafo del libro. La serata è stata caratterizzata dagli intermezzi musicali di due bravissime eccellenze del nostro territorio: Vittorio Sbordone e Ludovica Ambroselli e dalle letture di Franca di Officine Kulturali Aurunke e Maria Rosaria dell’associazione ‘Eva – E’ vietato astenersi’. L’amplificazione è stata affidata

a Giovanni Coia mentre gli addobbi floreali a Giovanna Martucci. La Cappabianca ha spiegato ai presenti le motivazioni che l’hanno portata a scrivere questo saggio che a differenza di ‘Donne e politiche’ è molto più empatico. ‘Famiglie resilienti’ è dedicato ad Ida Rocco e al dottore Cavallo. La prima è una donna della nostra terra,

scomparsa prematuramente, a cui la Cappabianca era molto legata. “Ida era l’emblema della resilienza”, ha dichiarato l’autrice. Ma anche il professore Cavallo rappresenta un simbolo di questa ‘capacità virtuosa di risalire a galla dopo la tempesta’, vista la sua esistenza spesa a favore dei bambini e delle famiglie. Tra i presenti all’evento anche padre Paolo D’Alessandro, la cui tela dedicata alla famiglia è riportata sulla

copertina del libro. La serata si è conclusa con un ricco buffet curato da Anna e Tonino di ‘Lunch Time’. Ma sentiamo ai nostri microfoni l’intervista esclusiva all’autrice di ‘Famiglie resilienti’.