CAIAZZO – Guardia medica resta in città, Insero: pericolo scampato ma manca programmazione

CAIAZZO (fm) – La guardia medica e il servizio 118 restano in città. Il consigliere Amedeo Insero tira un sospiro di sollievo ma avverte l’amministrazione Giaquinto: anche questa vicenda evidenzia una mancanza di programmazione. <Il solo pensiero che Caiazzo stesse per perdere, dopo la caserma dei carabinieri, anche il sevizio del 118 e la Guardia medica, mi ha fatto vivere giorni di forte apprensione – afferma il consigliere Amedeo Insero -. Che sottolinea: <<Fortunatamente il pericolo è stato scampato anche se ha messo in tutta evidenza la mancanza di programmazione da parte del gruppo di maggioranza per alcune problematiche conosciute da tempo. Tuttavia, proprio questa ennesima tegola che si stava per abbattere sulla nostra

città, mi spinge a sollecitare l’amministrazione a porre in essere misure decisive al fine di riorganizzare la collocazione di alcuni servizi essenziali>>. Il consigliere comunale passa così ai suggerimenti: <<Anche al fine di dare una spinta al nostro maltrattato e dimenticato centro storico, vista l’assurda situazione che sono costretti a vivere i bambini della scuola materna e delle elementari di Caiazzo centro, di  trasferire  le scuole elementari presso il prestigioso plesso di Via Umberto I fino a qualche mese fa sede del liceo scientifico e di attivare ogni azione per far rientrare le scuole materne presso l’edificio Elvira Giorno. In tal modo verrebbe a liberarsi il plesso scolastico di Rione Garibaldi  destinandolo a sede definitiva del 118 e della Guardia medica, il tutto con notevole risparmio per le casse comunali>>, conclude Insero.