TEANO – Edificio scolastico Garibaldi, il sindaco: potrebbe servire per i familiari negativi in quarantena’

TEANO (Antonio Migliozzi) – Da alcuni giorni si è diffusa in paese la voce che vedrebbe la struttura della scuola media “Garibaldi” adibita ad ospedale per coloro affetti da coronavirus. “Non è affatto vero – ci ha risposto il Sindaco Dino D’Andrea – anche se in questa notizia ci sarebbe una mezza verità. In pratica mi sto preparando al prevedibile ed all’imprevedibile”. In pratica tale struttura dovrebbe servire per tutte quelle persone che avrebbero in casa un familiare affetto dal virus. “A cosa potrebbe servire questa struttura”, ha continuato il Sindaco.

Ho fatto tanto, ma veramente tanto per anticipare le mosse del virus. Questa misura fa parte di un’anticipazione ad una cosa che penso e mi auguro non accadrà mai, ma se dovesse succedere noi siamo preparati: una struttura per la quarantena. Faccio un esempio: serve ad isolare i positivi dai negativi. Se un componente di una famiglia dovesse risultare positivo e l’altro familiare negativo, il primo può rimanere al primo piano mentre il secondo al piano superiore. Ma questa famiglia non ha la possibilità del doppio piano in quanto vivono in un piano solo e questo non consente di autoisolarsi in casa, chi non ha il coronavirus va in una struttura in quarantena, di modo che l’altro familiare che è positivo viene curato in casa con le cure domiciliari.

Quindi la scuola Garibaldi servirebbe, ipoteticamente, per farci stare quelle persone non affette da infezione e di isolarle a persone che non possono autoisolarsi a casa dal nucleo familiare per rompere la catena dei contagi. Verrà messa una biblioteca, un videoproiettore, quindi sarà una struttura quasi di svago sociale per quelle persone che in casa hanno un positivo. Oltre questa struttura, abbiamo individuato anche dei beni confiscato a Pugliano ed il Vescovo ha anche individuato una struttura a Calvi Risorta”.