SAN GREGORIO MATESE – Poste.it, Fracasso chiede intervento dei sindaci su rischio covid 19

SAN GREGORIO MATESE (Antonio Migliozzi) – Mantenere aperti i presidi costituisce un fattore di rischio. Parole di Simona Fracasso, Direttore presso l’Ufficio delle Poste Italiane di san Gregorio Matese e Calvisi di Gioia Sannitica.

Solidaristico di tutelare la salute della collettività a fronte dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo. Poste.it ha già versato il proprio contributo in termini di vite umane per l’emergenza con i decessi di due operatori nella bergamasca: non vorremmo che tale tributo fosse incrementato per la mera da parte di entità associative, l’Azienda sta facendo di tutto per tutelare la salute dei suoi collaboratori, stessa cosa la categoria dei sindacati, attenti, disponibili e sempre a tutela dei lavoratori. Personalmente ho contattato già vari sindaci, vedesi il Comune di San Gregorio Matese dove sono dipendente, subito disponibile, così come altri sindaci si sono dimostrati subito propensi all’iniziativa. Chiedo con il buon senso civico, responsabilità da parte di tutti. Ritorneremo alla normalità”.

La proposta che Simona Fracasso ha lanciato a tutti i sindaci è quanto segue: “Da dipendente di Poste.it, fiera ed orgogliosa di far parte di questa grande azienda, in relazione all’emergenza covid 19, ravvisato che per quanto i decreti di contenimento dell’epidemia varati dall’esecutivo non prevedevano la chiusura degli uffici postali, bancari ed assicurativi, appare che mantenere aperti i presidi costituisce un’inevitabile ed ulteriore fattore di rischio epidermico stante la necessità di spostamenti degli addetti ed operatori. Posto vieppiù che sono state adottate, particolarmente con il DL n. 18/2020, misure per il blocco dei pagamenti di innumerevoli oneri, fiscali e non solo, appare ancora evidente che molti utenti si spostano presso gli uffici postali senza motivi validi, addirittura come punto di ritrovo. La necessità di lanciare questo appello ai sindaci nasce da un dovere costituzionale”.