ROCCA D’EVANDRO – Istituto comprensivo Alto Casertano, le minoranze consiliari: ‘Abbiamo perso la nostra autonomia’

ROCCA D’EVANDRO (Antonio Migliozzi) – I gruppi consiliari di minoranza Rinnovamento Civico e Insieme con i Cittadini, con i loro capigruppo Ivan Marandola ed Antonio Fionda, hanno espresso il loro dissenso sulla decisione presa in giornata in riguardo all’istituzione del nuovo istituto comprensivo Alto Casertano.

Un’altra bocciatura politica e perdita per il nostro comprensorio e per il nostro Comune, gli Amministratori di Rocca d’Evandro dicono addio all’istituto comprensivo Ettore Fieramosca, fiore all’occhiello del nostro territorio che negli anni ha formato migliaia di cittadini anche di comuni limitrofi. Con l’istituzione del nuovo istituto comprensivo scolastico Alto Casertano’ con sede legale presso il Comune di Roccamonfina il nostro territorio perde l’autonomia decisionale nell’ambito scolastico spostando il baricentro ancora più verso il sud. Il Comune di Roccamonfina, essendo già sede della comunità Montana poteva, insieme alle altre comunità indirizzare la scelta verso il nostro territorio e privilegiare e fortificare il baluardo formativo che vede il nostro Comune affacciarsi direttamente sul mondo universitario  per le vicinanze all’università del Lazio Meridionale di Cassino ed a tutto il distretto industriale di Cassino e Rocca d’Evandro.

Ricordiamo alla cittadinanza che quando Rocca d’Evandro era amministrata da persone competenti riuscì a farmi riconoscere ente Totalmente montano(che tutt’oggi mantiene ricevendo da ciò numerosi privilegi) e Roccamonfina ente parzialmente montato Tutto questo per il Sindaco Emilia Delli Colli non rappresenta nulla, forse perché non ci sono visioni d’insieme e di proiezione verso il futuro e soprattutto per le opere di attuazione per i nuovi progetti che riguardano il Nuovo polo scolastico Bivio Mortola per un importo di 3.000.000,00€ e la convenzione tra mondo universitario e valorizzazione del Castello Medievale di Rocca d’Evandro. Ora toccherebbe ai cittadini ed agli studenti dimostrare tutto il loro disappunto per questa ulteriore perdita per il nostro comprensorio”.