SESSA AURUNCA – Rimpasto di giunta e cambi di guardia negli uffici comunali, ecco il possibile nuovo assetto voluto da Sasso e company

SESSA AURUNCA (Matilde Crolla) – Rimpasto di giunta e cambi di guardia negli uffici comunali, equilibri in bilico per un nuovo assetto dell’esecutivo comunale e della macchina amministrativa sul quale stanno lavorando gli amministratori con il bene placito del consigliere regionale del Partito Democratico, Gennaro Oliviero. Al momento si tratta solamente di voci, anche se nelle ultime ore negli ambienti politici locali si fanno sempre più insistenti. Sembrerebbe che quanto prima ci saranno due sostituzioni

all’interno dell’esecutivo comunale. Quattro i nomi che circolano delle papabili new entry. Si parla di Cristian Bonelli, uomo vicino a Luigi Del Mastro (che ha sempre manifestato di essere vicino alla maggioranza pur sedendo tra i banchi dell’opposizione ndr), ma gradito anche a Gennaro Oliviero. Si parla anche di Stefania Pellegrino, candidata del Pd. Un altro nome che circola come possibile new entry in giunta è Dario Poccia, fedelissimo di Oliviero. Quest’ultimo potrebbe essere scelto per coordinare in maniera più diretta anche tutta la parte pre-elettorale

delle Politiche di marzo. Un altro nome è quello di Romolo Calcagno, figura da non sottovalutare anche per avvicinare Oliviero a quella parte della sinistra che negli ultimi tempi ha preso le distanze da lui. Anche la macchina amministrativa, sempre secondo indiscrezioni, potrebbe subire dei cambiamenti. La sentenza del Giudice del Tribunale del Lavoro che ha accolto il ricorso dei capisettore rispetto al trasferimento deciso dall’amministrazione Tommasino potrebbe modificare i vari posizionamenti. Trapela che

Massimo Iodice e Raffaele Aliperti potrebbero essere i due a dover lasciare gli uffici del Comune di Sessa Aurunca. Il posto di Iodice potrebbe essere occupato da Trabucco, mentre quello di Aliperti dal geologo Tommaso Fusco. Dovrebbero, inoltre, essere nominati un nuovo tecnico di Gaeta e un ex candidato

del Partito Democratico. Sussolano, in quota Zannini, potrebbe passare all’Urbanistica. Il caposettore Vaudo povrebbe accorpare i settori Entrate e Finanze, mentre Marchegiano potrebbe finire all’Anagrafe.