CELLOLE – Omicidio Capraro, mise in pericolo la sua vita per salvare la compagna della vittima: encomio solenne per il luogotenente Franco

 

CELLOLE (Matilde Crolla) – Encomio solenne per il comandante della stazione dei carabinieri di Cellole, luogotenente maresciallo Vincenzo Franco, questa sera presso la sala consiliare del Comune alla presenza dell’amministrazione tutta, delle autorità militari, religiose e civili. La cerimonia si è tenuta a seguito dell’approvazione da parte del consiglio comunale dell’encomio per l’atto eroico portato a termine nel giugno 2017. Il luogotenente maresciallo Vincenzo Franco, infatti, è riuscito

ad intervenire con coraggio ed audacia nella villetta dove si è consumato il delitto del compianto Giuseppe Capraro mettendo in salvo la compagna della vittima in pericolo. Un gesto encomiabile nel corso del quale il militare ha messo a serio rischio anche la sua vita. L’amministrazione comunale, guidata dalla sindaca Cristina Compasso, ha sentito il dovere di riconoscere il valore dell’atto compiuto dal comandante della stazione di Cellole attraverso un encomio solenne alla presenza

del maggiore della compagnia dei carabinieri di Sessa Aurunca, Giuseppe Fedele, dei militari della stazione di Cellole e Baia Domizia. Presente alla cerimonia anche il parroco, don Lorenzo Langella, che si è personalmente complimentato con il maresciallo Franco. Presenti alla cerimonia anche la consorte e le figlie dell’eroe cellolese, una delegazione dei rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo sezione di Cellole ed una rappresentanza di docenti dell’istituto

Alberghiero di Teano e Cellole accompagnate dalla dirigente Annamaria Orso (per l’occasione gli studenti dell’Alberghiero hanno preparato ed offerto un ricco buffet al piano terra del Municipio ndr).