ROCCAMONFINA – Sagra della Castagna e denunce. La Maggioranza accusa l’Opposizione, Cestrone risponde

ROCCAMONFINA (Antonio Migliozzi) – “Intendo dire solo 2 cose. La prima: come si fa a dare sempre la colpa agli altri e alla ‘vecchia politica’ come presunti mandanti di denunce o esposti? Avete qualche prova? La seconda: se un esposto o una denuncia viene accolta significa che chi di dovere non ha vigilato abbastanza o chi preposto non ha controllato che le norme di legge venissero rispettate. Chi dovrebbe farlo?”. Michele Cestrone, consigliere di minoranza, ha così voluto rispondere alle accuse partite dalla maggioranza consiliare in riguardo ad alcune denunce che sarebbero state prodotte da “ignoti” per quanto riguarda la Sagra della Castagna.

Vigliacchi! – è la denuncia sui social da parte dell’Amministrazione comunale –  La vecchia, misera politica degli esposti… sulla pelle dei commercianti e dei piccoli imprenditori locali, pur di colpire sindaco e amministrazione. Pioggia di esposti e denunce (a firma di false associazioni oppure assessori della giunta poi costretti a fare il disconoscimento dai carabinieri!). È in questo modo che i vecchi politicanti  disperati, stanno tentando di fermare ogni forma di sviluppo locale e di rinascimento roccano, colpendo commercianti, albergatori e piccoli imprenditori che stanno investendo denaro nei loro bar, ristoranti, alberghi, aree picnic etc Prima fanno bloccare, rimuovere e demolire le loro opere di miglioramento, per poi passare a trovarli e dire: ‘stai sereno, con me in amministrazione non sarebbe mai successo’. La più lurida politica per cercare di arginare e screditare un’amministrazione, vigliacchi!

Intanto il consigliere Cestrone ha continuato nella sua risposta all’Amministrazione: “Queste cose purtroppo come già è stato detto fanno male a tutti ma ancora più penoso è lo scagliarsi contro un presunto avversario avvelenando ancora di più il clima del paese. Detto questo, queste cose ci sono sempre state, ci sono ora e ci saranno sempre, ma le denunce a matrice politica (se ci si vuole scagliare per forza sulla politica) le avete fatte proprio voi con il cda della fondazione amore a firma (potete controllare) di 2 vostri componenti. Per cui di cosa stiamo parlando? Con certe affermazioni ci andrei molto cauto soprattutto da una pagina ufficiale di una amministrazione che dovrebbe spegnere il fuoco e non fomentarlo”