TEANO – L’assessore Palmiero, assente al consiglio, relazione sul suo impegno programmatico nel primo anni di legislatura

TEANO (Antonio Migliozzi) – Il lungo consiglio comunale che si è tenuto nella serata di mercoledì, ha visto molti assenti, in maniera particolare tra i banchi della maggioranza consiliare, non potendo così relazionare sulla propria attuazione delle linee programmatiche svolte nelle proprie deleghe. Tra gli assenti vi è stato anche l’assessore Nicola Palmiero, primo eletto in assoluto nella competizione elettorale dello scorso anno. Per questa ragione abbiamo contatto l’assessore Palmiero per conoscere la sua relazione.

Mi scuso con la minoranza e con i presenti per non aver preso parte al recente consiglio comunale – ha dichiarato Nicola Palmiero –  ma ero bloccato da impegni improrogabili già comunicati al Presidente prima della convocazione. Tuttavia anche se a mezzo stampa, riconoscendo l’importanza della richiesta avanzata alla maggioranza visto che lei me ne dà l’opportunità provo a menzionare quanto avrei fatto in Consiglio. Questo primo anno di amministrazione si è rivelato ricco di emozioni positive e negative, spesso le cose non sono sempre come le immaginiamo ma ciò non può rappresentare un alibi per fermarsi, provare a tradurre in fatti quanto si desidera non è cosa facile perché ne viene da un numero indefinito di variabili che spesso esulano dal tuo controllo e vanno calate in un contesto molto più ampio. In questi mesi ho provato con estrema umiltà ad imparare, chiacchierando poco, impegnandomi nei limiti delle mie competenze. La programmazione, la concertazione, il gruppo e l’apertura alle energie positive del territorio in un contesto d’emergenza è la chiave per conseguire risultati, diversamente si è condannati all’oblio. Ho ritenuto utile promuovere buona parte delle iniziative che mi hanno visto coinvolto in collaborazione con le realtà associative presenti nel territorio, ritenendo che siano un patrimonio irrinunciabile. Per quanto concerne la tutela del paesaggio e dell’ambiente oltre all’adesione alla giornata ecologica Puliamo il Mondo che sarà riproposta anche quest’anno, abbiamo promosso in collaborazione con la Proloco passeggiate naturalistiche sulla Via Francigena vera opportunità in chiave di turistica e ci accingiamo a presentare un progetto di riqualificazione del menzionato percorso, sfruttando l’opportunità dei bandi PSR,  inoltre, siamo entrati a far parte della rete europea delle città libere dai pesticidi, aderendo ad un progetto europeo promosso dall’Ong Pan vietando così l’utilizzo di pesticidi in aree pubbliche e incentivando gli agricoltori ad un uso dei fitofarmaci consapevole e rispettoso dell’ambiente. Su tale scia in collaborazione con società di formazione accreditate, nell’ambito del PSR si svolgeranno a breve sulla casa comunale corsi finalizzati a fornire ai partecipanti competenze  per la scelta e la corretta gestione dei prodotti fitosanitari nonché le tecniche di difesa a basso impatto ambientale, insieme a corsi formativi per giovani che si insediano in agricoltura. A breve organizzeremo in collaborazione con le associazioni di categoria e con agronomi specializzati, iniziative tese a informare gli operatori del settore e concepire proposte rispetto alle emergenze fitosanitarie che stanno interessando alcune colture del nostro tterritorio. Tuttavia la tutela dell’ambiente non può prescindere da un nuovo corso del servizio ecologia che sarà avviato quanto prima. Sul sentiero della formazione, in collaborazione con l’associazione api e biodiversità abbiamo realizzato un corso professionale sull’analisi sensoriale del miele, comparto in forte espansione oltre a rappresentare garanzia di biodiversità. Ancora, grazie alla partnership con il CPL e la CCIAA, siamo stati sede dell’Employers Day, presentando un piano di formazione che ci auguriamo possa partire nei prossimi mesi, capace di trasferire agli imprenditori agricoli e a chi intende avviarsi, le competenze necessarie per intraprendere percorsi di internazionalizzazione sfruttando le competenze digitali. Con l”evento sulla nocciola nell’ambito della consolidata manifestazione Cioccolateano, che ha visto la partecipazione del modo imprenditoriale oltre che degli stakeholder impegnati nei processi di trasformazione, abbiamo gettato le basi per stimolare processi di aggregazione al fine di approcciare a percorsi che vedono la valorizzazione e perché no, il riconoscimento di marchi di qualità di prodotti d’eccellenza del nostro territorio.

Abbiamo accompagnato riconoscendo un forte valore a tale percorso, la costituzione del Presidio Slow Food del Cece di Teano, progetto che in pochi mesi ha visto l’adesione di diversi imprenditori con risvolti positivi anche in termini di marketing territoriale. Quest’anno, inoltre, ha visto protagonista il rilancio della Fiera Campionaria dell’Agricoltura e dell’Artigianato con la presenza di diversi espositori attivi nel comparto primario, concependo questa iniziativa con la presenza del Salone del Gusto come una occasione a disposizione degli agricoltori e delle comunità locali quale strumento strategico finalizzato alla valorizzazione delle risorse agroalimentari della zona e delle varietà autoctone spesso minacciate da logiche industriali. Si è provveduto ad avviare gli adempimenti necessari per accedere in forma associata alla misura del PSR relativa ai PAF (Piani di Assestamento Forestale) e PC (Piani di Coltura). Possiamo tranquillamente affermare che si è evitato alla nostra città l’ennesimo scippo da parte di Comuni limitrofi che offrivano locali a costo zero, ottenendo la disponibilità della ASL in un’epoca di razionalizzazione della spesa a farsi carico dei lavori di ristrutturazione dei locali siti in Viale Italia, che attualmente riversano in uno stato di totale abbandono. I lavori sono già a buon punto e a breve saremo dotati di una nuova sede che ospiterà il Servizio Veterinario che sarà ulteriormente potenziato in termini di personale e rappresenterà un indotto importante per l’economia della città. Per i cimiteri c’è molto ancora da fare oltre quanto già fatto, la proroga della concessione relativa all’ampliamento dei cimiteri ha evitato una catastrofe per le casse comunali poiché la convenzione obbligava l’ente a rilevare l’invenduto per un importo di circa 600.000 €. In tal modo avremo la possibilità di verificare se quanto previsto dal project financing sia stato realizzato correttamente, permettendo la vendita del residuo realizzato, ottenendo per altro un aumento della riduzione del valore dell’eventuale invenduto dal 10 al 15%. Sono partite anche le procedure per il servizio di gestione dei servizi cimiteriali e di manutenzione ordinaria, tuttavia questo comparto necessità di una maggiore attenzione affinché diventi prioritario per colmare le lacune mai risolte. Non vi nascondo che avrei voluto fare molto di più, spesso si è presi dallo sgomento difronte ai tanti impedimenti che nella realizzazione di quanto appare semplice e naturale ti si prospettano ed è per questo che sono sempre più convinto che per dare davvero un corso nuovo a questa città occorre un gran lavoro di squadra, programmando l’ordinario per poi passare a ciò che può far cambiare passo alla città ma siamo solo all’inizio e mi auguro che il tempo e l’esperienza ci possa aiutare a trovare ciò per cui ci siamo messi in gioco”.