SESSA A. / CELLOLE – AvivAbility, la cooperativa ‘Al di là dei sogni’ vince il concorso con il progetto ‘Welcome Agrilandia’

SESSA AURUNCA / CELLOLE (Matilde Crolla) – ‘AvivAbility – Sostegno alla Salute’, la cooperativa sociale ‘Al di là dei sogni’ di Maiano di Simmaco Perillo e Paola Perretta ha vinto l’importante concorso destinato alle organizzazioni non profit con il suo progetto  “Welcome Agrilandia”. Si tratta di un’iniziativa finalizzata alla realizzazione di un’area dedicata alla fattoria dei sogni. L’avvicinamento al mondo dell’agricoltura sociale, con attività contadine, laboratori e apicoltura, a stretto contatto con gli animali e la natura.

La cooperativa sociale “Al di là dei sogni” onlus nasce nel 2004 e ha la sua sede operativa e il suo “spazio vitale” in una frazione rurale, Maiano, del comune di Sessa Aurunca, nell’alto casertano, al confine tra la regione Campania e la regione Lazio, all’interno di un bene confiscato alla camorra.  Il bene è stato confiscato nel 1994 al clan Moccia di Afragola, comune del napoletano, acquisito al demanio comunale di Sessa A. nel 1998 e affidato nel 2011; è oggi, intitolato alla memoria di una vittima innocente del territorio aurunco “Alberto Varone”. “Al di là dei sogni” è individuata

come una delle “best practice” che ha messo in produzione beni confiscati (ancora meglio terreni confiscati) in Regione Campania: si promuovono percorsi legati all’“agricoltura sociale” e quindi all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e attraverso la “multifunzionalità dell’ agricoltura” si attivano servizi di presa in carico e cura dei soggetti con disabilità psico-fisica, si sviluppano attività e laboratori con la fattoria didattica per scuole primarie in visita; con la coltivazione di circa 8 ettari di terreno si pratica l’agricoltura biologica e la trasformazione di prodotti freschi in conserve, marmellate, patè. I prodotti

sono a marchio “Fattoria dei sogni – NCO”. Un importante riconoscimento, l’ennesimo, arriva oggi per la cooperativa. “Premiato il progetto, premiato il lavoro che stiamo facendo e premiata la grande passione e coinvolgimento di tutti durante la votazione. Siamo tutti insieme un sogno che diventa realtà”, hanno commentato i fautori di questo grande progetto sociale. La sfida della cooperativa è da sempre quella di promuovere, attraverso questo inserimento, una filiera produttiva

ed etica che parte dalle attività sociali e da quei luoghi che una volta erano simboli di violenza e di sopraffazione e che oggi, invece, sono rinati a nuova vita grazie alla collaborazione con le istituzioni e con tutte le realtà sociali del territorio.