MATESE – Ente montano, ancora nulla è deciso. E il ‘blitz ‘ di Oliviero spacca il Pd

MATESE (Francsco Mantovani) – Comunità montana, Gennaro Oliviero tenta il ‘blitz’. Ma al momento non gli riesce ed i giochi sono ancora tutti aperti. E’ ormai chiaro che il consigliere regionale piddino stia già da qualche tempo preparando il campo per le prossime elezioni regionali. Ed in virtù di questa sua intenzione, più che aprire una discussione politica all’interno del comprensorio matesino, Oliviero pare stia badando soprattutto all’assegnazione delle varie cariche politiche. Con il rischio, tra l’altro, che tenendo fuori dai giochi Piedimonte Matese si possano creare le condizioni affinché si apra una falla all’interno del Pd in vista delle regionali. All’orizzonte, infatti, pare profilarsi in maniera non troppo velata una scontro politico intestino tra lo stesso Oliviero e l’assessore regionale, Sonia Palmeri, quest’ultima da tempo ‘in campo’ sul territorio per affrontare le criticità legate soprattutto al mondo del lavoro. Per ciò che attiene il nuovo esecutivo dell’ente montano, pertanto, al momento i numeri ancora non ci sono. E le decisioni, ‘sottoscritte’ in quel di Sant’Angelo d’Alife, dove ormai Oliviero sembra aver stabilito il suo ‘quartier generale’ nel Matese, non sono al momento condivise neanche dagli enti sui quali si credeva di poter contare. Trovare un accordo non sarà semplicissimo, anche perché alcuni comuni montani nei quali sono stati da poco eletti nuovi sindaci sembrano volersi defilare da qualsiasi logica partitica. Per tale ragione, ad oggi, non vi è alcuna certezza su chi sarà il nuovo presidente della comunità montana che prenderà il posto dell’ex sindaco di Prata Sannita, Domenico Scuncio.