ALIFE – Bilanci e rendiconti, le opposizioni: “consiglio illegittimo, mancano alcuni atti contabili”

ALIFE (fm) – Bilanci e rendiconti non ancora approvati, per le opposizioni il consiglio comunale convocato per il 7 giugno è illegittimo. Secondo i consiglieri di minoranza, i venti giorni a far data dalla diffida da parte del prefetto per poter approvare tutti gli atti contabili potranno infatti partire dal momento che la maggioranza metterà a disposizione i documenti richiesti dalle opposizioni. Documenti  obbligatori per redigere un bilancio. <<Il Prefetto di Caserta – affermano i consiglieri di minoranza -, con nota prot. 53080 del 29/05/2019, notificata in pari data a tutti i consiglieri comunali, ha diffidato il Consiglio comunale di Alife ad approvare, entro venti giorni, tutti gli atti contabili, in particolare i bilanci ed i rendiconti consuntivi, non approvati entro il 18/05/2019, data prevista quale termine inderogabile dal Decreto del Ministro dell’Interno n. 853 dell’08/01/2019. La grave mancata approvazione dei bilanci e dei rendiconti era stata opportunamente segnalata dagli scriventi consiglieri di minoranza al Prefetto e al Ministero dell’Interno già il 22 maggio scorso. Il Prefetto di Caserta è, pertanto, intervenuto nei confronti del Comune di Alife, evidenziando il grave inadempimento ed intimando al nostro Ente di procedere tempestivamente all’approvazione di tutti gli atti contabili stabiliti dalle

prescrizioni ministeriali entro 20 giorni dalla data del 29/05/2019 ed indicando “che, trascorso infruttuosamente il suddetto termine (venti giorni da ieri e quindi il 18 giugno) e senza ulteriore preavviso, si procederà a formulare al Ministero dell’Interno proposta di scioglimento del Consiglio comunale” per la mancata approvazione dei bilanci. Il Consiglio comunale – proseguono – è stato fissato per il prossimo venerdì 7 giugno ma gli scriventi consiglieri di opposizione, già lunedì 27/05/2019 hanno trasmesso al Comune (ma anche al Prefetto, al Ministero, al Revisore dei conti, alla Corte dei Conti e all’Organismo Straordinario di Liquidazione) una richiesta di atti contabili mancanti tra i documenti necessari alla suddetta approvazione e relativi alla programmazione ed alla rendicontazione per le annualità 2017, 2018 e 2019. Gli atti che non sono stati prodotti e forniti ai sottoscritti consiglieri di minoranza dalla amministrazione Di Tommaso sono fondamentali ai fini dell’approvazione dei bilanci stessi. Ancora una volta rimaniamo sgomenti di fronte alla superficialità ed al modo approssimativo di amministrare della maggioranza consiliare che arranca su temi così delicati e complessi ed in presenza di un caos gestionale che ha dell’incredibile e che mette seriamente a rischio la stessa tenuta amministrativa dell’Ente comunale alifano>>, concludono i consiglieri Salvatore Cirioli, Gianfranco Di Caprio, Enzo Guadagno, Gabriella Macchiarelli e Alessandra Pasqualetti.