PIETRAVAIRANO – Comunali, Del Sesto apre la campagna elettorale a San Felice: il domani è già qui! L’abbraccio di piazza Bruno alla Littera

PIETRAVAIRANO (Francesco Mantovani) – <<Questi cinque anni di opposizione ci hanno permesso di capire che le azioni amministrative, messe in atto dalle amministrazioni uscenti negli ultimi dieci anni, salvo casi di atti dovuti, oltre a creare buchi di bilancio non sono state mai corrispondenti alle reali esigenze della comunità Pietravairanese>>. Ha così esordito il candidato sindaco Adriano Del Sesto che ieri sera ha aperto la campagna elettorale in una gremita piazza Bruno nella frazione San Felice. <<Un paese non potrà mai crescere se ogni anno si stanziano zero euro per servizi all’agricoltura! Un paese non potrà mai crescere se ogni anno si stanziano zero euro per i servizi all’artigianato! Un paese non potrà mai crescere se ogni anno si stanziano zero euro allo sviluppo economico!>> ha continuato il candidato sindaco della lista ‘Il Paese domani’ che è poi passato immediatamente a proporre un progetto di rilanzio attraverso proposte concrete: << Da ciò abbiamo studiato e messo a punto un progetto di rilancio socio economico del paese, fattibile e immediatamente realizzabile. Come:
1) riorganizzazione della macchina amministrativa;
2) riorganizzazione della pianta organica per ottenere meno costi e migliore servizi;
3) tagliare gli sprechi e i costi di gestione inutili, che da nostre stime, analizzando i bilanci degli
ultimi 5 anni, puntualmente approvati, si potrebbe

risparmiare una cifra che oscillerebbe tra i 400
e i 600 mila euro l’anno per destinarli esclusivamente al sostegno delle iniziative di supporto alle
attività produttive, a migliorare i servizi sociali e sostenere i servizi solidali e investire in azioni di
pubblica educazione civica per migliorare la qualità della vita dei cittadini.
4) evitare la esternalizzazione dei servizi perché tutto ciò che possiamo fare noi all’interno
della macchina amministrativa comunale lo dobbiamo fare;
5) bisogna incentivare e stimolare iniziative produttive private con la creazione di uno
sportello gratuito formato da tecnici rivolto all’imprese che vogliono investire, con questo
sportello si devono intercettare fondi regionali, statali e comunitari, da utilizzare per la
realizzazione di progetti di sviluppo delle imprese;
6) bisogna stimolare e sostenere la creazione di cooperative di lavoratori da iscrivere all’albo
fornitori del comune, a cui affidare lavori di piccola manutenzione, cura del verde, dell’arredo
urbano, manutenzione delle strade poderali, pulizia dei fossi, delle scarpate e delle siepi,
riparazione di piccole buche che con il tempo sono destinate a diventare voragini.;
ed infine
7) favorire uno sviluppo sociale e solidale:
Favorire lo sviluppo sociale di una comunità – ha esclamato Del Sesto – significa migliorarne la qualità della vita, significa attivare azioni di sostegno verso i soggetti

più deboli ed indigenti , ossia gli anziani , le famiglie
disagiate , i disoccupati , gli inoccupati , i disabili, l’ infanzia svantaggiata; come? noi intendiamo interagire immediatamente con le associazioni e organizzazioni no profit che già operano in modo autonomo sul territorio, penso alla Chiesa, alla caritas, penso alla croce rossa, di cui a Pietravairano esiste già una cellula operativa, penso all’associazione Angela Serra per la prevenzione e dei tumori che opera sul territorio con una filiale per la provincia di Caserta e Benevento penso a tutte quelle organizzazioni che sono presenti e da prendere in considerazione,
per organizzare con loro una serie di sevizi sociali necessari per migliorare la qualità della vita dei
cittadini, specialmente per i cittadini impegnati a combattere serie patologie oncologiche. Vedete un amministratore per promuovere iniziative in genere deve per prima cosa saper ascoltare la gente e saper leggere le loro reali esigenze. Ed è con questa logica che intendiamo immediatamente muoverci, se ci date il vostro consenso. Ed è con questa logica che immaginiamo il nostro domani. Con il vostro aiuto il domani è già qui>>, ha concluso Del Sesto. Nel corso del comizio sono intervenuti anche i candidati consiglieri Vincenzo Emilio Tonnera, che ha toccato il tema dei lavori pubblici, Giuseppe Pone, che ha parlato di sanità, e Maria Rosaria Littera, che ha argomentato sulla sua destituzione – immotivata – dalla maggioranza uscente dopo soltanto pochi mesi. Proprio Littera, ‘idolo di casa’, ha ricevuto tantissimi applausi riaffermando la propria ‘egemonia’ politica nel borgo che la vede come principale e forse unico referente di una popolazione ancora in cerca di riscatto.