PIEDIMONTE MATESE – Sfratti alle case popolari, diverse famiglie in Comune: il sindaco si chiude in ufficio e lascia la ‘patata bollente’ nelle mani di Raucci

PIEDIMONTE MATESE (Francesco Mantovani) – Sfratti alle case popolari, alcune famiglie si sono recate questa mattina in comune per poter parlare col sindaco. Un colloquio che però non ha mai avuto luogo visto che il primo cittadino – impegnato in altre delicate questioni – si sarebbe chiuso all’interno del suo ufficio lasciando ‘la patata bollente’ nelle mani dell’assessore Raucci, che, dal canto suo, non avrebbe dato alle famiglie sfrattate le risposte da loro attese. Le famiglie, sempre più preoccupate per il loro futuro, chiedono alla fascia tricolore di non ‘lavarsene le mani’ e di recarsi presso gli uffici della direzione dell’IACP di Caserta per chiedere se gli ‘abusivi’ (che intanto vogliono mettersi in regola con i pagamenti) hanno i requisiti per poter occupare gli alloggi popolari. Nei prossimi giorni potrebbe scattare un sit in di protesta davanti alla casa comunale da parte delle famiglie sfrattate.