SESSA AURUNCA / CELLOLE – Scuola, il tribunale di Cassino: illegittima mobilità 2016. Maestra torna in provincia di Caserta

SESSA AURUNCA / CELLOLE – Il tribunale di Cassino con ordinanza del 03/04/2019 trasferisce una docente di scuola primaria. La vicenda riguarda una maestra assegnata dal Miur sull’isola di Ponza, che si è vista per anni negare l’avvicinamento al propio comune nonostante anni di servizio prestato, vedendosi scavalcare da colleghe più giovani.
La docente accertata l’ingiustizia perpetratasi per anni, si è rivolta allo studio legale Bfi dagli avv.ti Buonamano Antimo- Fausto Fusco-Giuseppe Izzo, per far valere le proprie ragioni.
Il tribunale di Cassino ha accertato e dichiarato, come si evince dall’ordinanza: “ il diritto della parte ricorrente ad essere preferita nelle operazioni di mobilità territoriale, con diritto al trasferimento presso uno degli ambiti indicati nella domanda secondo l’ordine di preferenza espresso, in ragione della posizione assunta in graduatoria
in forza del punteggio vantato nella fase B punto 1 di mobilità territoriale, rispetto agli altri docenti trasferiti sugli stessi ambiti prescelti dalla parte ricorrente che hanno partecipato alla fasi successive di mobilità con punteggio inferiore e senza diritto precedenza”.
Pertanto, il Miur è stato condannato ad assegnare la docente in provincia di Caserta ambito territoriale 0011, ed utilizzandola presso la scuola ‘Matilde Serao’ di Cellole.
Tale provvedimento è stato accolto con piena soddisfazione dalla docente, che ha ottenuto dopo anni di pendolarismo, assegnata la sede a lei spettante.